QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°23° 
Domani 22°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 16 luglio 2019

Attualità giovedì 25 giugno 2015 ore 20:04

​25 giugno 1944: Campiglia Marittima libera

Riprendiamo da Gianfranco Benedettini, ringraziandolo per la testimonianza, questo intervento che ricorda il 25 giugno 1944, e Liberazione del Comune.



CAMPIGLIA MARITTIMA — "25 giugno 2015. Stesso giorno 1944. Una jeep statunitense arriva nella piazza centrale di Campiglia, ne scende un graduato, si accosta ad un gruppo di curiosi e dice loro "Domani si torna, fate il sindaco!", agilmente rimonta sulla jeep e se ne va.

Campiglia è libera, nazisti e fascisti sono sconfitti e battono in ritirata. Fortunatamente, qui, non accadranno i fattacci sanguinosi che, invece, avverranno in altre parti della Toscana. Nello stesso giorno saranno liberate Venturina e Piombino. All' indomani toccherà a Suvereto; il 27 a San Vincenzo.

Nerio Signorini, giovane partigiano, si trova a Campiglia proprio in quel momento. Abita a Piombino e, saputo della Liberazione, decide di andare verso la sua città per riabbracciare i suoi cari. Non li vedrà mai.

Giunto nelle vicinanze di Villa Mussio viene colpito da un proiettile sparato da uno degli ultimi tedeschi rimasti nella zona. Muore subito. L'eco del fatto si sparge come un lampo. Il giovane corpo viene raccolto da un altro gruppo di partigiani e portato a Campiglia. 

Nell' ingresso del Consorzio Fiumi e Fossi, viene eretta la camera ardente e, per tutto il giorno, una lunga fila di cittadini gli renderà gli onori. Viene stilato un manifesto che costituisce una rara testimonianza di come andassero le cose in quei momenti. Ecco il testo:

"IL COMITATO ITALIA LIBERA annunzia con profondo cordoglio che la giovane vita di SIGNORINI NERIO di anni 23, è stata ieri spezzata nell' adempimento del proprio dovere alla soglia della liberazione. Ha donato con entusiasmo la sua giovane vita per la causa di tutti. Domani nel pomeriggio alle ore 18 avranno luogo i funerali partendo dalla camera ardente. Campiglia Marittima 26 giugno 1944"

Notate Il "Comitato Italia Libera" ebbene, in nessun'altra parte d'Italia è stata usata questa denominazione. La rara testimonianza di cui parlavo sta proprio qui. E' una specificità tutta nostra. 

Il feretro, preceduto dalle bandiere USA e Italiana (con ancora lo stemma sabaudo!) sfilò nelle vie cittadine e raggiunse il cimitero. Qualche tempo dopo, la salma fu tumulata nel cimitero di Piombino. Chiedo che ciascuno di noi rivolga qualche attimo di silenzio per ricordare il 25 giugno 1944, giorno della Liberazione del nostro territorio".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità