QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Politica domenica 13 ottobre 2019 ore 13:21

Unione dei Comuni, “prima si creino i contenuti”

La sindaca Ticciati ricorda l’esistenza del Piano intercomunale Piombino-Campiglia pronto per essere adottato e rilancia dopo il sì del Consiglio



CAMPIGLIA MARITTIMA — Nell’ultimo consiglio Comunale Campiglia Comune ha approvato un ordine del giorno che ribadisce l’obiettivo e l’indirizzo di investire nelle politiche sovracomunali per poter rispondere con efficienza ed efficacia ai nuovi bisogni dei nostri territori. “La nuova amministrazione, - ha spiegato la sindaca Alberta Ticciati - in coerenza con le posizioni assunte dalle precedenti amministrazioni e in linea con quanto affermato nel programma elettorale ha ritenuto di dover ribadire l’obiettivo ultimo di arrivare ad uno strumento istituzionale in grado di strutturare le politiche strategiche di area, come l’Unione dei Comuni (leggi qui l’articolo correlato).

Il documento approvato è stato presentato dal gruppo Campiglia Comune e non è lo stesso proposto dal Gruppo 2019 sulla scia di quello approvato nel Comune di Piombino.

“Ovviamente, ci teniamo a sottolinearlo, avendo mancato di metterlo in chiaro nel documento approvato dal consiglio, che ad oggi non ci sembra di vedere quei contenuti e quelle condizioni che possano farci considerare l’obiettivo vicino o semplice da raggiungere, perché non è sufficiente dire di voler costituire un'Unione di Comuni per far magicamente comparire le strategie unitarie che oggi non si vedono. Il processo è esattamente il contrario. - ha spiegato la sindaca - Prima si creino i contenuti, le politiche di area, si individuino obiettivi condivisi e poi si costruisca lo strumento. A questo si aggiunga che, come noto, il colore politico delle Amministrazioni non è omogeneo e le stesse forze che sostengono la maggioranza piombinese sono rappresentate da amministratori che nel mandato precedente hanno osteggiato la condivisione degli obiettivi e dei percorsi comuni e hanno negato qualsiasi tipo di collaborazione costruttiva”.

“Sebbene con quel documento approvato in consiglio si sia voluta ribadire l’importanza delle politiche sovracomunali e riconfermare l’attenzione, in questo senso, da sempre dimostrata dal comune di Campiglia Marittima, riteniamo anche che non si possa ignorare che ci sono importanti partite aperte sul nostro territorio ad oggi non solo non risolte, ma neanche affrontate. - ha aggiunto - Si ricorda il Piano intercomunale Piombino-Campiglia pronto per essere adottato, per il quale stiamo rischiando di perdere il finanziamento regionale a causa dell’inerzia del Comune di Piombino, il rinnovo ed il rilancio delle attività di Parchi e Rimateria sulle quali, è evidente, si navighi a vista senza un’idea di prospettiva. Ci teniamo a ribadirlo per confutare qualsiasi dubbio: proporre un'Unione di Comuni non può essere motivo per rinviare o adombrare le questioni da affrontare”. 

In conclusione: “Invece di teorizzare, si parta dal basso, dando risposte concrete ai nostri cittadini, si dica chiaramente se si vuole proseguire sul lavoro già fatto, senza disperdere altro tempo e risorse. Soltanto dopo, sciolti questi ed altri nodi, potremo metterci a discutere sullo strumento che può facilitare il raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi. Ma si parta da obiettivi ed indirizzi altrimenti l’Unione dei Comuni nella migliore delle ipotesi continuerà ad essere una scatola vuota, una possibilità sulla carta alla quale non riusciremo a dare vita, con un conseguente danno per tutto il nostro territorio”.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità