QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 18°23° 
Domani 19°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 16 giugno 2019

Attualità sabato 25 luglio 2015 ore 19:00

Libera: "Preoccupati dalla gestione dei profughi"

I coordinamenti locali di Libera esprimono dubbi sui soggetti ai quali è demandata la gestione dei profughi in Val di Cornia



SAN VINCENZO — "Che la gestione dell'accoglienza dei profughi in Italia sia questione delicata e da monitorare con grande attenzione è fuor di dubbio, ce lo ricordano i mafiosi protagonisti di “mafia capitale”: "si fanno più soldi con gli immigrati che con la droga!". 

Le tensioni sociali, spesso strumentalizzate, rischiano di essere aggravate dall'approssimazione e dalla scarsa trasparenza con cui viene gestita l'accoglienza.

I coordinamenti locali di Libera esprimono la loro preoccupazione per quanto sta accadendo in Val di Cornia, dove la Prefettura di Livorno ha affidato la gestione dei profughi a due associazioni, Homo Diogene di Gavorrano e Xenia di Braccagni, create per l’occasione.

Ricordiamo le tensioni che ci sono state a Venturina e le accuse di improvvisazione rivolte all’associazione che gestisce oltre 40 profughi, oppure quanto viene denunciato da giorni dal sindaco di Suvereto a proposito dell'inadeguatezza, al limite dell'irregolarità, dell'associazione Xenia a gestire la struttura “La Vivalda” e i profughi lì sistemati. Situazione che ha spinto il sindaco a chiederne la sostituzione con altra associazione.

Chiediamo a chi ha la responsabilità del controllo, a partire dalle Prefetture, di intervenire con tempestività e continuità per verificare il rispetto di quanto previsto nelle convenzioni di affido della gestione dei profughi, così come chiediamo che siano messe in trasparenza le strutture associative e i loro bilanci, considerato che queste associazioni sono nate ad hoc ed operano con i soldi dei cittadini.

Le due associazioni in questione sano nate non più di pochissimi mesi fa, con lo stesso lo stesso fondatore, Mauro Andreini. Prima crea Homo Diogene, prende in gestione la situazione di Venturina, poi a luglio non è più presidente di HD (ma sul sito di Homo Diogene risulta anche presidente di questa associazione) e ne fonda un'altra, Xenia, che immediatamente prende in gestione dalla Prefettura di Livorno la struttura di Suvereto.

Ci sorprende anche la velocità con cui Xenia, ad appena pochi giorni dalla sua improvvisa costituzione a Braccagni, possa aver avuto la gestione degli oltre 100 profughi da sistemare in provincia di Treviso.

La gestione dei profughi non è un mero fatto “organizzativo”, occorre una capacità di attuare progetti di integrazione non solo sulla carta. Ma se l'obiettivo sono i 35 euro al giorno pro-capite, allora tutto diventa possibile!

E gli effetti negativi sono sotto gli occhi di tutti.

E’ un passo avanti la firma di ieri del protocollo tra Prefettura di Livorno e 5 Comuni della provincia (e tutti gli altri?) per far svolgere lavori socialmente utili ai profughi qui accolti. I Comuni devono, a nostro avviso, essere coinvolti anche nel controllo della gestione dell’accoglienza da parte delle Associazioni, così come occorre un pieno coinvolgimento ed un impegno attivo dell’associazionismo locale!

Solo così si contribuirà ad organizzare e gestire immigrazione e profughi, fenomeno drammatico che non si concluderà certo in pochi mesi che dobbiamo affrontare, superando la logica dell'emergenza e facendocene carico con civiltà e responsabilità".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Sport

Spettacoli

Attualità