QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 maggio 2019

Attualità venerdì 26 agosto 2016 ore 15:38

L'aiuto di Piombino ai terremotati

Il primo carico di aiuti partito da San Benedetto del Tronto

Sono circa 2.500 le persone sfollate e la grande mole di aiuti arrivata in questi giorni potrebbe già essere sufficiente a gestire l'emergenze



PIOMBINO — Il Comune di Piombino ha incontrato i rappresentanti di Anpas, Misericordia e Croce Rossa per capire come coordinare al meglio la volontà di aiutare le popolazioni colpite dal terremoto. Per rispondere in maniera più dettagliata al proliferare di iniziative da parte di singoli cittadini e associazioni è stata anche contattata la colonna mobile di Protezione Civile della Regione Toscana.

Dal Centro Italia, Protezione civile e Regione Lazio hanno chiesto di bloccare tutte le iniziative di trasferimento di beni di prima necessità e medicinali da parte dei centri di volontariato e hanno chiesto alla Provincia di attivarsi per fare un censimento di questi centri e delle relative dotazioni.

“É nostra precisa responsabilità – ha fatto sapere Chiarei – quella di informare i cittadini che ogni tipo di raccolta spontanea, od organizzata, di materiale di qualsiasi tipo non ha alcuna certezza di essere realmente richiesta e utilizzata nell'area di crisi. Chi comunque volesse raccogliere qualcosa che non sarà poi finalizzato all'emergenza terremoto può dirottare questo materiale alle associazioni che sul territorio svolgono il ruolo di sostegno al disagio sociale”.

Per esempio la Misericordia di Piombino, il Gruppo Frates e Etruria Rugby si sono attivate per raccogliere presso il punto raccolta in piazza Manzoni 15 coperte, lenzuola e vestiario in buono stato, prodotti per l'igiene personale, alimenti e giochi per bambini.

“L'appello – rimarca l'assessore – è quindi adesso di quello di evitare sprechi. Le notizie ufficiali ci dicono che la macchina dei soccorsi è in grado di soddisfare in pieno questa fase emergenziale. Gli sfollati al momento sono circa 2.500 mentre nel terremoto dell'Aquila erano circa 80.000. Questi dati confermerebbero quindi l'attuale copertura dei bisogni delle persone rimaste senza casa. Al momento – ha ribadito – ci sono richieste solo di personale specializzato inquadrato in strutture organizzative e, proprio nelle ultime ore, anche di personale dei comuni che possa svolgere funzioni di gestione amministrativa dei campi”.

Rimangono attivi i contatti della protezione civile 0565 – 63303/251 o protezionecivile@comune.piombino.li.it, le politiche sociali 0565 63287 e l'Urp 0565 63274 per fornire la disponibilità di risorse umane e donazioni a favore delle popolazioni colpite dal sisma (leggi l'articolo correlato). Il censimento è stato attivato anche dalla Regione Toscana all'indirizzo emergenzaterremoto@regione.toscana.it.

Chi vuole fare una donazione in denaro, oltre ai vari conti correnti aperti per l'emergenza, è possibile effettuare un bonifico bancario al conto IBAN IT38K0200870722000401052853, intestato al Comune di Piombino presso Banca Unicredit filiale via Lombroso a Piombino con la causale "Terremoto centro Italia". Se invece la donazione è effettuata tramite bollettino di conto corrente postale il riferimento è il CCP n. 136572 intestato al Comune di Piombino e indicando la stessa causale. Per coloro che intendono ottenere attestato per lo sgravio fiscale, dovranno fare richiesta con la ricevuta di pagamento che dimostra l'avvenuto versamento presso l'Urp.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Elezioni

Sport