QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°28° 
Domani 11°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 27 aprile 2018

Attualità sabato 13 gennaio 2018 ore 12:05

Bonifiche, presidio davanti al Comune

In Comune l'incontro tra Invitalia, istituzioni e aziende per fare il punto sulla questione bonifiche a venti anni dall'individuazione del Sin



PIOMBINO — "Bonifiche, acciaio pulito, diversificazione: o va avanti tutto insieme oppure frana tutto", lo hanno detto un gruppo di associazioni, sindacati e partiti politici e in vista dell'incontro tra Invitalia, istituzioni e aziende che si terrà il 15 Gennaio hanno organizzato un presidio alle porte del Comune di Piombino.

Ad organizzare il presidio sono Centro di solidarietà internazionalista Alta Maremma, Coordinamento Art.1-Camping CIG, Il sindacato è un’altra cosa-Opposizione Cgil, Restiamo umani, Slaicobas, Unicobas, Partito comunista, Partito comunista dei lavoratori-Lista Per Una Sinistra Rivoluzionaria, Partito dei Carc, Partito della rifondazione comunista, Potere al popolo, Sinistra italiana e Un’Altra Piombino.

"Le aree inquinate di Piombino sono state individuate nel 1998 come Sito di Interesse Nazionale (S.I.N) ma in vent'anni non è stato bonificato quasi nulla". Ecco perché il gruppo di associazioni, sindacati e partiti politici intendono dare risonanza all'incontro di lunedì chiedendo che i cittadini possano assistere alla riunione, che la stessa venga divulgata in streaming e che venga convocata un’assemblea pubblica sull’argomento.

"Il risanamento ambientale è la condizione indispensabile per attivare le grandi risorse della Val di Cornia: agricoltura e turismo di qualità, attività connesse al mare, al porto, ad un nuovo sviluppo industriale ecocompatibile. - hanno aggiunto - I governi locale, regionale e nazionale adesso devono adottare procedure straordinarie di emergenza per uscire dalla palude paralizzante della burocrazia e delle vuote promesse; gestire direttamente, l'avvio concreto di smantellamenti e bonifiche del Sin, con fondi adeguati,recuperando in futuro quanto dovuto dai privati responsabili dell'inquinamento; gestire direttamente la riattivazione immediata dei treni di laminazione e successivamente prevedere un forte intervento pubblico diretto nella gestione dello stabilimento con l'obiettivo di produrre acciaio pulito di qualità, nel quadro di una politica siderurgica nazionale". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Spettacoli

Attualità

Attualità