QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 18°21° 
Domani 17°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 23 agosto 2019

Lavoro sabato 20 luglio 2019 ore 09:43

"Così Jsw non assume alcun impegno preciso"

A qualche giorno dall'incontro al Mise per gli sviluppi sul rilancio dello stabilimento siderurgico di Piombino, Camping Cig non abbassa la guardia



PIOMBINO — Altro che incontro interlocutorio, per il Camping Cig quello del 9 Luglio al Mise è stato un incontro con esito negativo. 

"L'azienda continua a dettare l'agenda, a cui il governo si adegua passivamente. In pratica, l'uno crea l'alibi all'altro per tirare a campare senza fare nulla di concreto e verificabile. Infatti, dopo più di 4 mesi dal precedente incontro, Jsw non assume alcun impegno preciso e verificabile sul primo forno elettrico; né sugli smantellamenti; né sulla tempra, secondo alcuni poco utile senza ammodernamento del treno. Si tira avanti senza prospettive definite, nel silenzio accomodante delle stesse organizzazioni sindacali rappresentate nell’incontro del 9: nessuna iniziativa di mobilitazione", hanno detto in una nota.

"Intanto, - hanno aggiunto - lo stabilimento perde milioni ogni mese, mentre si tenta di tornare ad assurde produzioni di 30 anni fa, come gli acciai al piombo. In fabbrica si sta instaurando un clima intimidatorio e a Ottobre-Novembre scadrà la Cig. Non è più il tempo dei rinvii: azienda e governo devono dire la verità e dirla subito"

Per il Camping Cig i fatti dimostrerebbero che "Jsw non ha alcuna intenzione di realizzare il piano annunciato da Jindal a suo tempo e può contare sul silenzio complice delle istituzioni, proprio come ai tempi di Rebrab". 

Quindi di fronte a questa situazione per il coordinamento bisognerebbe improntare un piano B per l'area di crisi complessa di Piombino che definisca: la scelta strategica della siderurgia con o senza Jindal contemplando anche il ruolo del pubblico; la verità sui numeri degli occupati diretti e dell'indotto; gli interventi pubblici per far decollare la diversificazione economica; l'avvio delle bonifiche del Sin. 

"Per rinascere, Piombino deve essere presa in considerazione come emergenza nazionale per l'emergenza sociale, ambientale e produttiva che vive da lunghi anni. Tale emergenza richiede interventi pubblici, non più rinviabili, di portata epocale", hanno concluso.



Tag

Maltempo ad Ascoli Piceno, tromba d'aria in centro: le urla dei cittadini mentre il vento spazza via tutto

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Attualità