QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
sabato 17 novembre 2018

Politica giovedì 08 novembre 2018 ore 15:44

"Donare sangue, percorso da sostenere e tutelare"

A dirlo è il segretario provinciale Udc Coppola che segnala dei tagli al servizio in Val di Cornia con non pochi disagi per i donatori



PIOMBINO — "Donare sangue è un atto d’amore, ma è anche un percorso sociale che deve essere sostenuto e tutelato". A sottolineato è Luigi Coppola (segretario provinciale Udc Livorno) che chiede lumi in merito ad alcune modifiche rispetto al servizio che potrebbe risentire di scelte economico-politico-gestionali delle aziende sanitarie.

"L’esempio di Cecina di fine Ottobre è lampante, dove il centro trasfusionale è rimasto chiuso senza preavviso, nonostante le tante donazioni prenotate. - ha raccontato Coppola - A Piombino si stanno verificando episodi altrettanto spiacevoli che hanno sollevato molte lamentele fra i donatori. Fino all’anno passato i risultati delle analisi propedeutiche alla donazione venivano inviati per posta, oggi invece, si reperiscono tramite un’app molto complessa, che può andar bene per i tanti giovani, ma molto meno per i moltissimi di mezza età che hanno poca dimestichezza con i modernissimi smartphone. Fino all’anno passato ad ogni donazione trimestrale venivano garantiti controlli e test sanguigni con particolare attenzione a colesterolo, glicemia e trigliceridi. Oggi non è più così, tali esami vengono effettuati una volta all’anno, mentre permane il test dell’emocromo. Inoltre, sul referto non sono più evidenziati, come avveniva prima, i risultati del test Hiv e di altri virus infettivi".

Il segretario provinciale Udc chiede una risposta in merito per capirne la motivazione e se tali modifiche riguardano solo alcuni centri trasfusionali dell'azienda Usl Toscana Nord Ovest.

"A Pontedera ed a Pisa la prassi è la stessa dell’anno passato e non vi sono al momento notizie di cambiamenti imminenti. - ha sottolineato - E’ opportuno capire se i nuovi protocolli che stanno applicando a Piombino, e forse in tutta la provincia di Livorno, cosa che dovrà essere verificata, abbiano l’obiettivo di avviare una ristrutturazione del servizio in ambito locale e provinciale. Non vorremmo che ancora una volta sia il nostro territorio a dover subire le conseguenze di tagli regionali, che da sempre hanno privilegiato il centro della Toscana rispetto alle realtà periferiche ed in particolare la Val di Cornia".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità