QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 13 dicembre 2019

Lavoro giovedì 31 agosto 2017 ore 17:03

"I lavoratori dell'indotto senza prospettive"

"Non è partito il progetto di riqualificazione e sostegno per chi ha perso il lavoro", Fim, Fiom e Uilm dopo l'incontro con il sindaco Giuliani



PIOMBINO — Dall'incontro sul tema indotto avvenuto in Comune con il sindaco Massimo Giuliani, i sindacati Fim, Fiom e Uilm ne escono scoraggiati.

"Intollerabili ritardi per Piombino e Livorno, ancora non è partito il progetto di riqualificazione e sostegno per chi ha perso il lavoro. - hanno esordito - Purtroppo è emerso un quadro già noto, in cui i lavoratori dell'indotto ex Lucchini oggi si trovano a non avere prospettive di lavoro, pur avendo esaurito ogni strumento di ammortizzatore sociale".

Prima la crisi e poi i ritardi di Aferpi hanno inasprito le condizioni dei lavoratori che hanno perso il lavoro tanto che i sindacati temono una frattura sociale tra chi gode di forme di tutela e chi no.

"Questo innesca una lotta tra poveri, che il sindacato ha da sempre voluto scongiurare ritenendo l'unità e la compattezza dei lavoratori un elemento imprescindibile per la ripartenza di tutto il territorio", hanno aggiunto Fim, Fiom e Uilm ribadendo che non si sta cercando assistenzialismo ma lavoro. Intanto, però, le Istituzioni si stanno impegnando per sbloccare definitivamente i 30 milioni di euro per il sostegno al reddito (leggi l'articolo correlato).

"Il 22 giugno scorso, in occasione del tavolo ministeriale apposito per l'indotto, - hanno ricordato - gli impegni assunti dal Governo sono stati precisi, cioè mirati a riqualificare e ricollocare i lavoratori delle imprese di Piombino e Livorno, quale aree di crisi complessa. Se una parziale risposta c'è stata con la proroga per la mobilità in deroga relativa all'anno 2017, per il resto, ancora, non si è mosso nulla. Condividiamo, inoltre, con l'Amministrazione Comunale che l'accordo di programma e il riconoscimento di area di crisi complessa siano atti da rivedere e rimodulare, in quanto, allo stato attuale, non hanno prodotto i benefici auspicati in termini di ripartenza dell'economia del territorio".

Per i sindacati servono degli interventi mirati. Partita la richiesta urgente all'attenzione del Governo, e per conoscenza anche dell'Inps nazionale, "per richiamare tutti alle proprie responsabilità dando concretezza agli interventi necessari al rilancio del nostro territorio".



Tag

La parodia di Boris Johnson per le elezioni, 'Love Actually' diventa 'Brexit Actually'

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità