QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14° 
Domani 17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 22 ottobre 2017

Politica giovedì 04 febbraio 2016 ore 21:08

Gli scarti delle acciaierie per il porto

General Electric approderà a Piombino solo quando il porto sarà pronto. Il Movimento 5 Stelle fa una proposta e strizza l'occhio al progetto Rimateria

PIOMBINO — Abbiamo già scritto dell’importante accordo tra General Electric che coinvolgerà la Toscana, ma Piombino rimane ancora una volta a guardare in attesa che la città sia pronta.

Quello che manca, infatti, è un porto all’altezza. Lo si dice chiaramente, c’è bisogno di investimenti per il completamento delle infrastrutture portuali. A sottolinearlo è il Movimento 5 Stelle che si domanda che fine hanno fatto le banchine “vendute e rivendute in campagna elettorale”.

“Questo eccesso di zelo – commenta il Movimento 5 Stelle – ha però messo in luce, a nostro avviso, tutta l'inadeguatezza politica e tecnica di chi governa il territorio, evidenziando in maniera chiara che il porto di Piombino non è pronto. Ci spieghi adesso il sindaco Giuliani, fra i più solerti nell'annunciare svolte epocali e miracoli del suo buon governo, in che cosa consista la buona politica, dal momento che è ora evidente che se l'Italia è in crisi, Piombino lo è ancora di più, a causa dei ritardi e dell'errata programmazione territoriale della politica”.

Per il Movimento 5 Stelle la soluzione potrebbe essere l’utilizzo degli scarti di produzione non contaminati come materiali di riempimento. Materiale a km 0 che permetterebbe di velocizzare i lavori e risparmiare sui costi, dando gambe al progetto Rimateria in maniera virtuosa.

“Si abbia il coraggio di dire le cose come stanno: - sentenzia il Movimento – né il PD, né Anselmi, né tantomeno il commissario ‘a vita’ Luciano Guerrieri si sono dimostrati all'altezza della situazione, condannando ulteriormente all’emarginazione un territorio che davvero, mai come adesso, non se lo merita”.

Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Cultura

Attualità