QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°31° 
Domani 18°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 27 maggio 2016

Attualità sabato 12 marzo 2016 ore 07:56

La community delle super mamme

La frontwoman è Greta Panicucci, con lei ci sono Martina Giuliani e Soili Mancini. Hanno creato la community per dare una svolta al futuro delle mamme

PIOMBINO — Il gruppo Facebook si chiama MAMMAAIUTAMAMMA e ha già superato le 700 iscrizioni. Questo gruppo nasce con l'intenzione di poter creare una struttura che  accontenti le esigenze di mamme, bambini e giovani. 

Quindi, abbiamo deciso di intervistare la creatrice del gruppo, Greta Panicucci, per capire cosa ha in cantiere.

MAMMAAIUTAMAMMA, intanto raccontaci come è nata l'idea di creare questo gruppo... "Questo gruppo nasce dall'idea di poter sensibilizzare le mamme sull'argomento bambini-mamme e su una struttura che dovrebbe esserci nel territorio".

Ho visto che hai scritto anche al sindaco di Piombino, Massimo Giuliani, per sensibilizzarlo all'esigenza di uno spazio per le mamme e i loro bimbi... "Si ho fatto un appello pubblico al sindaco per poter avere un incontro con lui e poter esporre delle idee".

Cosa chiedi? Stai valutando dei progetti? "Diciamo che io insieme ad altre due ragazze stiamo organizzando qualcosa...".

Che riscontro hai avuto tra le mamme del territorio? Ti aspettavi più di 700 iscritti nel giro di pochi giorni? "Sinceramente in tre giorni c'è stata una grande risposta da parte delle mamme. In realtà non ci aspettavamo tutto questo afflusso, ma siamo contente perché i bambini sono il simbolo della rinascita e questo potrebbe essere già un buon inizio per la nostra città che oramai da un po' di tempo non sta affrontando un bel periodo".

Al momento le bocche sono cucite su come dovrà svilupparsi questo progetto. Certo è che stanno cercando un luogo che diventerà la base operativa delle super mamme. Unico obiettivo: coltivare e stimolare il futuro dei bambini e dei giovani.

Dina Maria Laurenzi
© Riproduzione riservata

Tag