QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 16°17° 
Domani 18°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 16 ottobre 2019

Politica venerdì 20 settembre 2019 ore 11:15

“La giunta del cambio marcia rimane in folle”

Il sindaco Francesco Ferrari e la consigliera Anna Tempestini (Foto di archivio)

Sono i gruppi consiliari Pd e Con Anna per Piombino a valutare l’operato della Giunta Ferrari superati i 100 giorni dall’inizio del mandato



PIOMBINO — “Al termine dei 100 giorni dall'inizio del mandato, periodo entro il quale, di norma, si misurano i governi nazionali, abbiamo provato ad intravedere la nuova linea di governo locale o quanto meno i primi significativi segnali di cambiamento tanto annunciati in campagna elettorale. Purtroppo il cambio di marcia non si è ancora visto”.

Sono i gruppi consiliari Pd e Con Anna per Piombino a fare il punto della situazione sulle questioni nodali per il territorio: “In Consiglio è stato ratificato l'accordo sul nuovo treno di laminazione nella stessa forma e contenuto di quello firmato dalla precedente amministrazione; nessuna modifica è stata richiesta all'accordo di programma sottoscritto al Mise sulla Jsw Steel ex Aferpi; è stato presentato e poi ritirato, anche perchè da noi giudicato inadeguato, l'atto di indirizzo per la nomina dei Presidenti delle partecipate; ad oggi si sta definendo la nomina del Presidente di Rimateria senza questi criteri; nessuna visione sulla questione rifiuti se non il mantra dell'opposizione all'ampliamento, niente sulle bonifiche, niente su prospettive future (smantellamenti, cumuli etc.) mentre arrivano rifiuti da fuori destinati al cono rovescio”.

L’elenco fornito dalle opposizioni di centrosinistra prosegue: “ Sui carotaggi in Consiglio Comunale è stato annunciato un incarico affidato ad una società senza specificare con quale atto, a carico di chi saranno addebitati i costi, il soggetto incaricato, con quale autorizzazione si pensa di eseguirli; tutto in barba al principio di trasparenza sbandierato anche in occasione della presentazione delle linee programmatiche; voto contrario al Bilancio partecipato dei Quartieri, proposta presentata dal M5S, mentre in campagna elettorale si è sbandierata la partecipazione come tratto distintivo di questa amministrazione; appiattimento sulle proposte di Terna per il progetto di posizionamento dei cavi per fornire elettricità alle isole, chiusura ad un confronto con i quartieri sul tracciato che coinvolgerà il quartiere Salivoli e nessun impegno concreto su possibili compensazioni per il disagio che subirà la città; l’unico atto sbandierato in campagna elettorale e portato avanti dalla maggioranza è stato la commissione d’inchiesta, commissione però che la maggioranza voleva fosse di studio (cioè che lavora e si pronuncia su progetti futuri) e che se sarà d’inchiesta lo si deve al Partito Democratico che ha presentato un emendamento in Consiglio Comunale contenente la modifica del tipo di commissione da studio ad inchiesta”.

“Prendiamo atto che qualche dubbio sulla capacità di mantenere le promesse sta emergendo anche da parte di chi ha sostenuto questa maggioranza. - hanno commentato - Noi crediamo che per affrontare i problemi del nostro territorio occorra abbandonare la linea della propaganda elettorale e prendere atto che la complessità dei problemi richiede capacità di intervento e di visione complessiva, doti che fino ad oggi non sembrano emergere dagli atti di questa amministrazione”.



Tag

Siria, Trump: "Tradimento? I Curdi non ci aiutarono durante la Seconda Guerra Mondiale"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Sport

Attualità