QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 10° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 marzo 2019

Lavoro martedì 19 giugno 2018 ore 16:39

Accordo di programma, quali richieste da Piombino

Massimo Giuliani

Il sindaco Giuliani in Consiglio comunale ha illustrato la proposta di emendamento presentata in vista della firma dell'accordo di programma



PIOMBINO — In apertura del Consiglio comunale di questa mattina, dopo aver ringraziato il consigliere dimissionario Ettore Rosalba e augurato buon lavoro a Pierluigi Rinaldi subentrato al suo posto, il sindaco Massimo Giuliani ha ritenuto opportuno fare una breve comunicazione sul tavolo tecnico che ha avuto luogo ieri al Mise per la definizione e la firma del nuovo accordo di programma ambientale per l'area industriale di Piombino (leggi qui sotto l'articolo correlato).

“Si tratta di uno degli accordi più complessi che vede la partecipazione di otto, nove enti diversi. – ha detto il sindaco – Orma è questione di giorni ma i tempi e le modalità di conclusione di questo lavoro dipendono dal ministero. Il Comune di Piombino ha comunque inviato una proposta di emendamento che prevede essenzialmente tre cose fondamentali: la garanzia che nel nuovo accordo sia recepito l'indirizzo pianificatorio del comparto industriale deciso da questo Comune con l'approvazione della cosiddetta Variante Aferpi lo scorso dicembre. Una variante che prevede infatti la complessiva delocalizzazione e concentrazione degli impianti siderurgici nelle aree a est della città e del porto e la conseguente liberazione di quelle vicine al tessuto urbano. Il principio che la fabbrica si deve allontanare dalla città è sacrosanto. – ha sottolineato Giuliani - Il secondo aspetto è quello relativo alla tematica dei cumuli sequestrati, e delle modalità con le quali verranno smaltiti gli scarti di processo una volta che riprenderanno nuovamente le operazioni di laminazione e poi la produzione dell'acciaio. I principi di economicità, sostenibilità, riciclo sono alla base del lavoro che stiamo facendo. L'altra questione è quella delle concessioni portuali e della logistica nelle aree retroportuali sottratte alla siderurgia, un'altra tematica importante da risolvere e da riportare nell'accordo di programma".

Questi temi saranno discussi durante l'incontro già fissato per il 21 Giugno al Mise.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Lavoro

Attualità

Politica