QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°16° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 12 novembre 2019

Lavoro venerdì 21 giugno 2019 ore 09:38

"L'Asl chiarisca le intenzioni sul punto nascita"

Dal progetto Piombino-Cecina all'ipotesi di integrare i servizi Val di Cornia, Elba e Alta Maremma. La Cgil chiede all'Asl un confronto



PIOMBINO — Dal caos punto nascita emergono nuove linee che non rassicurano la vicesegretaria generale Cgil provincia Livorno Monica Cavallini e il funzionario Fp-Cgil con delega alla sanità Simone Assirelli. E dopo aver chiesto un confronto urgente con l'Asl, adesso tornano a chiedere l'apertura di un tavolo che coinvolga anche i sindacati.

"A quanto si capisce l'Asl starebbe valutando l'ipotesi di integrare i servizi della struttura piombinese non solo con l'intera Val di Cornia e l'Elba ma anche con quelli dell'Alta Maremma. Vorremo dunque capire che fine farebbe il progetto che prevede l'accorpamento del punto nascita di Piombino con quello di Cecina. Salta tutto? Viene modificato solo in parte? E' giunto il momento della chiarezza. Temiamo infatti che possano esserci preoccupanti ripercussioni su entrambi i territori. - hanno riferito in una nota - L'Asl deve dirci in modo chiaro quali siano le sue intenzioni. Restano inoltre ancora inevase molte delle questioni al centro del Piano di programmazione 2018 – 2019 varato dall'Asl e approvato dalla Conferenza zonale dei sindaci". 

Per il sindacato resta inconcepibile apprendere le notizie sul futuro dell'ospedale di Piombino dalla stampa e non attraverso canali diretti. "Chiediamo dunque ancora una volta che la direzione aziendale convochi noi e i sindaci dei territori interessati per discutere sul futuro della sanità locale. - e hanno concluso - Se L'Asl ha deciso di cambiare i propri piani deve dirlo in maniera ufficiale e aprire il confronto con il sindacato: difendiamo infatti non solo i diritti dei lavoratori del settore ma anche quelli dell'utenza".

Intanto l'Azienda Usl Toscana Nord Ovest ha illustrato tutte le disposizione temporanee per la gestione del reparto e la presa in carico dei percorsi di gravidanza e parto (leggi qui l'articolo correlato). Prevista per il 25 Giugno l’istituzione di una commissione regionale con l’obiettivo di consolidare il punto nascita, ma anche di potenziare settori come l’ortopedia, la senologia, la medicina, l’urologia, la rete consultoriale, il servizio trasfusionale e il laboratorio.



Tag

Meloni: "Draghi al Colle? Not in my name"

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica