QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°14° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 19 maggio 2019

Attualità venerdì 29 settembre 2017 ore 16:40

Ricognizione delle partecipate, salva Atm

Il piano di ricognizione delle partecipate a seguito della legge Madia è approdato in consiglio. Tre le partecipate sotto la lente



PIOMBINO — E’ stata approvata oggi in consiglio la delibera che approva l'esito della ricognizione straordinaria delle società partecipate dal Comune in base a quanto stabilito dal decreto attuativo della riforma Madia.

Secondo la legge Madia, infatti, devono essere alienate o sottoposte a razionalizzazione le partecipazioni che non si occupano di produzione di beni e servizi strettamente necessari al perseguimento delle finalità istituzionali dell'ente locale, società che risultino prive di dipendenti o abbiano un numero di amministratori superiori a quelle dei dipendenti, partecipazioni in società che svolgono attività analoghe o simili a quelle svolte da altre società partecipate, società che nel triennio 2013-2015 abbiano conseguito un fatturato medio non superiore a 500mila euro.

“Abbiamo verificato che sono tre le aziende che potrebbero essere soggette a un piano di riassetto. – ha spiegato l'assessore al bilancio Ilvio Camberini nella sua presentazione al consiglio – La prima è Atm, costituita dal Comune di Piombino insieme agli altri comuni della Val di Cornia, Piombino detiene il 52,44 del capitale. Atm, come soggetto affidatario diretto del servizio di trasporto pubblico locale e del trasporto scolastico non rispetta il decreto Madia perchè non ha avuto un fatturato medio superiore a 500mila euro nel triennio preso in considerazione, e non ha dipendenti, a seguito del confluimento in Tiemme, ma solo amministratori”. Ma come spiegato da Camberini, Atm è fondamentale per far sì che il territorio sia rappresentato all'interno di Tiemme in vista della gara di affidamento in concessione dei servizi di trasporto pubblico del lotto unico regionale. A salvarla anche la recente affermazione dell'Anci secondo la quale nel piano Madia non rientrano i servizi pubblici locali come acqua, trasporti ed energia.

Le altre due aziende che non rispettano il decreto Madia e che verranno per questo alienate dal Comune sono Fidi Toscana spa e la CET – Società consortile Energia Toscana scrl che non svolgono attività e servizi strettamente necessari per il perseguimento delle finalità istituzionali.

La delibera è stata approvata con i voti favorevoli del Pd e i voti contrari di Movimento 5 Stelle, Rifondazione Comunista, Un'altra Piombino, Ascolta Piombino, Forza italia Francesco Ferrari sindaco, il consigliere Marco Mosci del gruppo Sinistra per Piombino, Ascolta Piombino.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Elezioni