QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°23° 
Domani 19°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 20 settembre 2019

Politica lunedì 29 luglio 2019 ore 12:51

Quella di studio "una commissione che non serve"

Fabrizio Callaioli

A sottolinearlo è Rifondazione Comunista rispetto alle intenzioni della maggioranza di costituire una commissione di studio sulla questione rifiuti



PIOMBINO — La proposta della coalizione di maggioranza di costituire un commissione di studio sulle questioni legate al tema rifiuti, Rimateria, Tap e Asiu continua a non convincere. Dopo le puntualizzazioni di Pd e lista Con Anna per Piombino sul perché quella della commissione di studio fosse una scelta sbagliata (leggi qui l'articolo correlato), parla il Partito di Rifondazione Comunista di Piombino attraverso un post condiviso sulla sua pagina Facebook. 

"La tanto propagandata commissione d'inchiesta si è trasformata in una commissione di studio, dove si dibatte di piani e programmi per il territorio. - si legge - Altra cosa, come descritta da Regolamento e Statuto, la commissione d'inchiesta che ha come mission il controllo dell'attività amministrativa dell'Ente, cioè quella che ci voleva per capire, o cercare di capire, dagli atti i motivi del buco Asiu". 

La coalizione di maggioranza aveva spiegato la scelta della commissione di studio. "Abbiamo optato per una commissione di studio e non per una di garanzia o di inchiesta perché in quest'ultimo caso come da regolamento la presidenza sarebbe stata assegnata alla maggiore forza di opposizione e cioè al Pd, la forza politica che ha gestito la questione nella precedente legislatura. Questo avrebbe creato una chiara situazione di conflitto tra controllore e controllato", avevano spiegato in conferenza stampa (leggi qui l'articolo integrale).

Ma per Rifondazione Comunista la motivazione non regge. "È vero che il presidente viene votato tra e dai gruppi di minoranza, e allora? La commissione è composta da 11 membri di cui 6 di maggioranza, quanto si pensa possa incidere il presidente di minoranza sul controllo degli atti, considerando fra l'altro che gli attuali gruppi di minoranza diversi dal Pd e liste collegate, hanno sempre chiesto e richiesto poi, nelle precedenti consigliature, che si facesse luce sui debiti Asiu? E considerato anche che le funzioni e i poteri della commissione vengono decisi in sede di costituzione della stessa? Ma fare luce non significa mettersi a studiare in gruppo come al liceo e, caso mai, per quello c'è la biblioteca", si conclude.



Tag

Carola Rackete ospite a Piazza Pulita: «Pronta a tornare in mare per salvare altre vite»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità