QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12°12° 
Domani 11°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 26 gennaio 2020

Politica giovedì 05 dicembre 2019 ore 18:05

"Quella di Ferrari una scelta irresponsabile"

Il Partito Democratico: "Nessuna controproposta, solo no alla continuità aziendale, sostenendo testualmente che RIMateria è destinata a fallire"



PIOMBINO — “Una scelta irresponsabile che rischia di condannare questo territorio. RIMateria deve chiudere”, così il Partito Democratico Val di Cornia Elba ha commentato la decisione del sindaco di Piombino Francesco Ferrari rispetto al nuovo piano industriale della discarica in località Ischia di Crociano (leggi qui sotto l’articolo correlato).

”E' questo, infatti, quanto emerso dall'Assemblea di Asiu di questa mattina che avrebbe dovuto impostare un nuovo piano industriale e decidere le sorti della discarica RIMateria. - ha commentato il Pd - Una pagina nerissima della storia della Val di Cornia che, per la prima volta nella sua storia, ne va dato atto alla nuova Amministrazione Ferrari, compie un arresto imperdonabile nel processo di risanamento post industriale che la società RIMatera, di concerto con gli enti pubblici coinvolti, aveva avviato. Il rischio concreto di un disastro. Ambientale prima ancora che umano e collettivo“.

"Un disastro che si sperava di evitare e arrivato nonostante la posizione di questa mattina di RIMatera, espressa dallo stesso presidente Pellati (nominato da Ferrari), che aveva confermato la disponibilità e la volontà dell'azienda di ottemperare a tutte le prescrizioni imposte dal Nurv e dalla Giunta Regionale, impegnandosi quindi a rispettare la priorità degli smaltimenti per le scorie industriali e dei materiali risultanti da bonifiche. Ferrari ha solo detto no. - si legge nella nota - Nessuna controproposta, solo no alla continuità aziendale, sostenendo testualmente che RIMateria è destinata a fallire. Spieghi ora Ferrari ai suoi cittadini che oggi chiuderà l'ennesima azienda piombinese e andranno a casa i suoi cinquanta dipendenti. A dispetto degli articoli dei giorni scorsi a firma Nigro e Parodi che garantivano un futuro per quei lavoratori“.

Per il Pd quella di Ferrari continua ad essere una campagna elettorale permanente, proiettata alle regionali di maggio 2020, tanto da essere "disponibile a sacrificare un intero territorio. - e incalza - Spieghi alla sua città che così facendo rischia di scomparire qualsiasi possibilità di messa in sicurezza ambientale delle discariche ex Asiu e ex Lucchini, con gravi rischi per il sottosuolo, per l'aria, per l'acqua, per la salute dei cittadini. Racconti che una delle condizioni base per il riavvio del polo siderurgico (prevista nell'accordo di programma) è la presenza di una discarica di prossimità dove smaltire le scorie e con la chiusura di RIMateria questa possibilità non ci sarà più. Il sindaco dica anche ai cittadini che rischieranno di pagare di tasca propria il fallimento di Asiu e il danno che questo comporterà alle casse del Comune che pro tempore amministra e di tutti i Comuni soci di quell'azienda".



Tag

Regionali 2020, calabresi alle urne per eleggere presidente e Assemblea legislativa

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Lavoro

Politica