QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°20° 
Domani 15°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 21 aprile 2019

Politica venerdì 28 luglio 2017 ore 13:00

Così si possono rivoluzionare i quartieri

Spirito Libero ha steso un nuovo regolamento che verrà sottoposto all'attenzione dell'Amministrazione. Una via per allargare la partecipazione



PIOMBINO — Che fine fanno i quartieri a Piombino? Dopo l'articolata vicenda che ha portato all'esclusione del Pd, Spirito Libero ha elaborato proposte per il superamento dell’attuale formula, scorgendo in essa alcune anomalie a prescindere dalle sentenze del Tar. 

Spirito Libero ha da sempre ritenuto che i quartieri fossero dei consigli bonsai "con la paradossale aggravante che su alcuni provvedimenti della Giunta venivano normativamente chiamati ad esprimersi, senza però che il loro parere fosse minimamente vincolante" (leggi l'articolo consigliato)

"Questo per noi è un limite assurdo, - si legge in una nota della lista - che da un lato ratifica la percezione di questi organismi come inutili, se non come momenti di discussione puramente informativa. Noi invece, ritenendo essenziale l’esistenza di una forma organizzata di partecipazione, crediamo che a questa vada attribuita dignità istituzionale e soprattutto debba funzionare al meglio nella fase di elaborazione di una proposta". Ovvero raccogliere proposte e suggerimenti da portare all'attenzione dell'Amministrazione.

Per far questo vengono segnalate alcuni aspetti che potrebbero essere cambiati: avere consigli di quartiere con un rappresentanze per ogni forza politica che si è presentata alle elezioni e non solo che ha avuto accesso al consiglio comunale e altri cinque rappresentanti votati dalla gente (ora sono i partiti a indicare chi va nel consiglio di quartiere); far si che un rappresentante del consiglio di quartiere possa essere presente nelle commissioni consiliari nelle quali di parla dei problemi inerenti il quartiere stesso; obbligo da parte della PPAA, di presentare preventivamente progetti e opere previsti nel quartiere; consiglio di quartiere facente parte del tavolo di programmazione di eventi e iniziative.

Complessivamente è stata redatta una proposta di regolamento che sarà sottoposta all'attenzione del sindaco e dell'assessore competente con l'obiettivo di promuovere un sistema che coinvolga la gente al di là della rappresentanza politica.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Lavoro

Attualità