QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12° 
Domani 11°13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 22 gennaio 2020

Politica sabato 02 settembre 2017 ore 18:11

"Ho accettato di candidarmi alla guida del Pd"

Massimiliano Roventini (Foto da Facebook)

In casa Pd il quadro è chiaro. Con un post su Facebook Massimiliano Roventi ha annunciato la sua candidatura alla guida della Federazione



PIOMBINO — E' a colpi di post sui social network che si va delineando la strada che porta al congresso Pd in programma a metà ottobre. Ora che il ticket Maestrini-Rosalba ha scoperto le carte in tavola (leggi l'articolo correlato), Massimo Roventini ha detto la sua.

Il suo nome aleggiava nelle stanze e tra le correnti del partito da giorni, ora però è arrivata l'ufficialità della sua decisione. "È il tempo di cambiare. - così ha esordito Roventini, assessore all'Urbanistica e Attività Produttive nel Comune di San Vincenzo e segretario del Pd sanvincenzino - Ho accettato di candidarmi alla guida della federazione Val di Cornia Elba del Partito Democratico perché una platea diffusa di iscritti di base che hanno votato indifferentemente Renzi, Orlando ed Emiliamo, mi hanno chiesto di fare un passo in avanti ritenendo che in questo congresso non potesse non esserci una mozione, un punto di vista che propone un cambiamento. Perché Il punto è questo: nonostante abbia sostenitori di tutte le aree del partito, per il Pd non bastano le alchimie della composizione di vertice tra correnti e frazioni non rappresentative di esse, che fuori di noi non interessano a nessuno. C'e bisogno di impostare un nuovo progetto e una linea politica innovativa".

Dunque gli iscritti al Pd dovranno decidere se a guidare la Federazione sarà Massimiliano Roventini o Carla Maestrini. 

"Vorrei anzitutto fare un in bocca al lupo a Carla Maestrini. - ha aggiunto - Una persona che conosco e che stimo pur avendo idee diverse sulla conduzione del Pd a livello locale. La mia campagna sarà l’opposto di ciò che alle volte si vede a livello nazionale. Mai sentirete da me attacchi personali, né a lei né ai suoi sostenitori. Non ho dubbi che su questo ci sarà una reciprocità dichiarata e praticata. L’impegno che prendo per la mia parte è che finito il congresso la nostra comunità andrà riunita". 

E' proprio la discussione post congresso a interessare tutti i candidati, consapevoli che il territorio sarà chiamato ad ardue sfide.

"Serve una nuova stagione per un partito che torni a discutere, studiare, analizzare e proporre come ha fatto nei momenti migliori della sua storia. - e ha sottolineato - Dobbiamo costruire un’idea autonoma di governo del territorio che prepari economicamente e socialmente il dopo Rebrab, anche verso una nuova siderurgia lontano dalla città e che tassativamente non si frapponga con la crescita di altri settori. C'è bisogno di dire le cose come sono e di assumersi responsabilità".

Vista di buon occhio la disponibilità data da Gianni Anselmi (leggi l'articolo correlato), "per la forza e la credibilità che esprime, - ha detto -  stupendomi semmai del fatto che non sia stata riconosciuta come la soluzione verso cui convergere tutti. Le sue competenze saranno indispensabili per le sfide politiche che la città e il territorio hanno di fronte a sé, consentendo di dare coerenza e capitalizzare localmente in modo più diretto il lavoro che sta svolgendo in modo egregio in Regione".



Tag

Fraccaro: "Rilanciamo progetto M5s, orgogliosi nostro passato ora costruiamo nostro futuro"

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità