QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 12°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Attualità mercoledì 16 ottobre 2019 ore 15:32

Un esperto per il parere finale sulla discarica

Foto di repertorio

Inviata in Regione la memoria conclusiva dell’avvocato Traina. Ferrari: “Ci siamo affidati a un esperto, non vogliamo lasciare nulla di intentato”



PIOMBINO — Oggi il Comune di Piombino ha inviato alla Regione Toscana il parere conclusivo sulla procedura di Via per il raddoppio dei volumi della discarica di Rimateria. 

L’amministrazione, si legge in una nota del Comune, ha deciso di affidarsi a uno studio legale esterno per supportare il lavoro degli uffici tecnici comunali: nello specifico all’avvocato fiorentino Duccio Maria Traina, docente universitario e professionista tra i più autorevoli esperti di diritto amministrativo. 

“Abbiamo voluto affidarci a un professionista esterno – ha spiegato il sindaco Francesco Ferrari – per dare ancora più forza al parere contrario del Comune. L’avvocato Traina ha concordato con le valutazioni elaborate dai tecnici del Comune e ha redatto una memoria che riassume tutti gli elementi da valutare e a cui sono stati allegati tutti gli atti del Comune: la delibera che riconosce Montegemoli e Colmata centri abitatil’atto di avvio della variante urbanistica per la Li53 e le cartine con le misurazioni delle distanze tra l’impianto e le abitazioni. Insieme alla documentazione inviata dal Comune arriverà in Regione anche il parere di Arpat e Asl. Da tutta questa documentazione emerge un uniforme parere contrario al progetto di raddoppio. Su consiglio dell’avvocato Traina, inoltre, abbiamo integrato la delibera di giunta su Colmata e Montegemoli specificando che sussiste un ulteriore elemento che li individua come centro abitato: l’esistenza di spazi pubblici come, ad esempio, i parcheggi”. 

Gli ultimi passi da compiere prima di martedì 22 ottobre, data in cui la Regione si esprimerà sul progetto di Rimateria. 

“La questione Rimateria è molto complessa – ha continuato Ferrari – e abbiamo ritenuto opportuno chiedere l’aiuto di un esperto della materia. Certamente, questo costituisce un costo per il Comune ma credo che il prezzo da pagare nel caso in cui la Regione concedesse il raddoppio sarebbe molto più alto per Piombino e per i piombinesi, sia in termini di salute e qualità della vita che in termini turistici e di diversificazione dell’economia del territorio. Bloccare il progetto è una priorità assoluta per questa amministrazione e abbiamo ritenuto di doverci dotare di tutti gli strumenti utili all’obiettivo”.

L'importo impegnato è di 14.600 euro.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità