QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17°30° 
Domani 17°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 19 luglio 2019

Lavoro mercoledì 28 giugno 2017 ore 20:30

Tensione tra gli operai, spunta un nuovo decreto

Giuliani: "L'esecutivo è in procinto di presentare un nuovo decreto ministeriale dedicato alle aziende in crisi". Gli operai pronti a scioperare



PIOMBINO — Giornata di notizie e tensioni per Piombino. Da un lato i sindacati che hanno programmato lo sciopero per la giornata di giovedì 29 giugno, dall'altro la riunione svoltasi al Mise per il Comitato esecutivo dell'Accordo di programma (leggi gli articoli correlati)

A  preoccupare i lavoratori il decreto firmato dal ministro Poletti il 23 giugno nel quale si palesa il mancato rinnovo dei Contratti di Solidarietà preferendo un ammortizzatore sociale in deroga che avrebbe prodotto un ulteriore taglio del salario per altri 200/250 euro. Sin dalla giornata di ieri si sono succedute richieste al governo per superare questa impasse, fino a mercoledì pomeriggio quando, a margine dell'incontro a Roma, sono arrivati dei chiarimenti in merito all'ipotesi di soluzione (leggi gli articoli correlati).

"“L'esecutivo – hanno sottolineato il sindaco di Piombino Massimo Giuliani e il vice Stefano Ferrini – è in procinto di presentare un nuovo decreto ministeriale dedicato alle aziende in crisi, tra le quali rientra anche Aferpi. In sostanza – hanno chiarito – sarà garantita la retribuzione attualmente percepita dai lavoratori grazie ad un'integrazione governativa fino alla data del 31 dicembre 2018. Nei rapporti tra Governo e Aferpi l'attenzione è stata rivolta all'accordo predisposto dal commissario Nardi, attualmente all'attenzione del governo e che auspichiamo sia firmato il prossimo 30 giugno dall'azienda”.

Inoltre “la Regione e il Comune hanno richiesto lo sblocco dei 30 milioni di euro per la cassa integrazione per gli anni 2015 e 2016 non erogate dalla Regione stessa e tornati in possesso dell'Inps. Per un loro utilizzo ai fini di politiche attive del lavoro sarà necessaria una convenzione tra Inps e Regione”. Le risorse saranno così utilizzabili da coloro che sono in Naspi o mobilità o mobilità in deroga mediante l'erogazione di un assegno di partecipazione ai corsi di formazione professionale dell'importo di 500 euro al mese.

“Le novità registrate nell'incontro non risolvono tuttavia le criticità che permangono sulla vicenda, e che necessitano un continuo e attento monitoraggio di tutte le istituzioni”, hanno concluso Giuliani e Ferrini.

Con questo spirito, giovedì mattina, si scenderà in strada a manifestare al fianco dei lavoratori. Per permettere a tutte le forze politiche di aderire all'iniziativa, su segnalazione del Movimento 5 Stelle, il consiglio comunale previsto proprio per il 29 inizierà alle 13.30.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Politica