QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°25° 
Domani 22°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 23 luglio 2019

Attualità sabato 09 maggio 2015 ore 18:27

Così ho risolto la situazione, parla Delfino

Il vice questore spiega come ieri, attraverso il dialogo, è riuscito a sbrogliare una situazione che poteva degenerare velocemente



CAMPIGLIA MARITTIMA — Una situazione esplosiva risolta con il dialogo. E a dialogare con i migranti ieri nella stazione di Campiglia Marittima c'era Walter Delfino, vice questore e capo del commissariato di Piombino.

"Ma non ho fatto niente di particolare - commenta - ho solo dialogato, capito e dato alcune risposte. Così la tensione è calata, queste persone vanno in un certo senso comprese".

Anche se in un primo momento non era di facile decifrazione: i migranti, provenienti da una struttura siciliana non accettavano la nuova destinazione, l’hotel 5 Lecci e le motivazioni non erano immediatamente comprensibli: niente wi-fi e tv.

"Qualche mese fa - racconta Delfino - ho lavorato a lungo in Sicilia, in uno dei centri di raccolta dei migranti più grandi. L’esperienza maturata mi ha aiutato. Conosco le esigenze di queste persone che fuggono dalla guerra e so cosa puoi concedere e su cosa devi restare rigido. Ma alla fine il dialogo è l’arma migliore".

"Abbiamo chiesto a ognuno dei quindici, a turno, di dirci quali esigenze avevano. Diciamo che c’erano una serie di problemi da affrontare. Ma è sbagliato far passare la richiesta della tv e del wifi come un desiderio di comodità. Non è così. Queste persone hanno necessità di stare in contatto con le famiglie. Molti hanno lasciato moglie e figli in Africa, oppure hanno parenti che sono emigrati in altre zone d’Europa. Non possiamo isolarli del tutto. E poi provenivano da una zona dove queste cose le avevano, qualcuno stava già lavorando: ho visto telefonini, ma anche computer portatili".

E poi c’erano i problemi religiosi. "Anche questo aspetto ha pesato. Ma dopo le prime tensioni ci siamo capiti. Ho preso in macchina con me i due-tre che erano più agitati e li ho portati a fare un giro. Hanno visto la zona, abbiamo parlato ancora. Chiedono solo di avere un’opportunità di vita. Credo che un paese civile come il nostro debba accoglierli nel modo migliore".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Spettacoli