QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 11°16° 
Domani 19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 22 marzo 2019

Attualità lunedì 24 dicembre 2018 ore 14:40

Sanità, dal 2019 via il superticket

Confermata per il 2019 anche l'esenzione per disoccupati, cassintegrati, lavoratori in mobilità con un reddito Isee fino a 27mila euro



FIRENZE — Dal 1 Aprile 2019 la Regione Toscana abolirà il superticket di 10 euro sulla digitalizzazione. Lo prevede una delibera approvata dalla giunta regionale venerdì 21 Dicembre 2018.

La delibera, dedicata soprattutto alle esenzioni per disoccupati, lavoratori in cassa integrazione e in mobilità, introduce anche l'avvio del percorso di eliminazione del contributo sulla digitalizzazione introdotto nel 2012. 

"Con questa delibera - ha spiegato l'assessore regionale al Diritto alla salute, Stefania Saccardi -, oltre a rinnovare una serie di esenzioni che ormai da tempo fanno parte delle scelte della Regione Toscana, abbiamo anche delineato un percorso per eliminare, dal 1 Aprile 2019 (il tempo necessario per l'adeguamento dei sistemi informatici e per l'organizzazione), il contributo di 10 euro per la digitalizzazione".

Il contributo era stata inserito in seguito alla Finanziaria del 2011, che imponeva alle Regioni un gettito, attraverso l'adozione di superticket. La Toscana introdusse i ticket aggiuntivi, facendo però la scelta di graduarli in base al reddito ed esentando dal pagamento le famiglie con reddito inferiore ai 36mila euro. 

Nel 2012 introdusse il contributo di 10 euro per la digitalizzazione, da applicare a tutte le prestazioni di diagnostica per immagini (Rm, Tc, ecografie, Rx, scintigrafie). Un contributo dovuto da tutti gli utenti (fino a un massimo di 30 euro l'anno) e applicato anche alle prestazioni erogate in pronto soccorso a cui non consegue il ricovero.

"Questo contributo ci sembrava ormai anacronistico - chiarisce Stefania Saccardi - quindi abbiamo deciso di abolirlo, in questa fase difficile in cui il governo promette di togliere il superticket, ma ancora non ha fatto nessun atto. L'ideale sarebbe stato metterlo nella Finanziaria, invece, niente. Siamo curiosi di vedere con che provvedimento lo eliminerà. A livello nazionale, il superticket costa quasi mezzo miliardo, oltre 400 milioni".

In Toscana, il contributo di 10 euro per la digitalizzazione pesa sul bilancio della sanità per oltre 18 milioni (circa 12,5 milioni per le prestazioni ambulatoriali, 5 per il pronto soccorso). 

"Un provvedimento importante, quello di eliminarlo - sottolinea Saccardi -, accompagnato anche da quello sulle esenzioni per molte categorie".

La delibera inoltre conferma anche per l'anno 2019 l'esenzione dalla partecipazione alla spesa per le prestazioni specialistiche ambulatoriali erogate in favore dei lavoratori e loro familiari a carico, residenti in Toscana, disoccupati, in cassa integrazione e in mobilità

Questi i requisiti:

- disoccupati e familiari a carico che abbiano cessato un lavoro dipendente o autonomo, in possesso di Dichiarazione di immediata disponibilità presentata al Centro per l'Impiego di competenza, con reddito del nucleo familiare fiscale fino a 27mila euro (codice esenzione E90);

- lavoratori collocati in cassa integrazione o in contratto di solidarietà difensivo e familiari a carico appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con reddito fino a 27mila euro (codice esenzione E91);

- lavoratori in mobilità e familiari a carico iscritti nelle liste di mobilità, in possesso della Dichiarazione di immediata disponibilità presentata al Centro per l'Impiego di competenza, appartenenti ad un nucleo familiare fiscale con reddito complessivo fino a 27mila euro (codice esenzione E92).

Inoltre la delibera proroga fino al 31 marzo 2019 la validità delle attestazioni rilasciate ai cittadini toscani, ai fini della compartecipazione sanitaria, sulla base dell'Isee, nell'anno 2018.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Lavoro

Attualità