comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:06 METEO:PIOMBINO15°20°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 26 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Attualità giovedì 17 settembre 2020 ore 22:00

Costretti a protestare per salire sulla nave

Uomo seduto sulla bitta davanti alla nave
L'uomo seduto sulla bitta davanti alla nave

Due famiglie elbane ci segnalano una brutta disavventura accaduta oggi sul porto di Piombino. Solo un gesto di protesta ha sbloccato la situazione



PIOMBINO — Un'ennesima disavventura ci viene segnalata riguardante la situazione agli imbarchi per l'Elba sul porto di Piombino e che ci viene riferito da due persone che con le loro famiglie a bordo della loro auto erano in fila davanti al traghetto Marmorica della compagnia di navigazione Toremar in partenza alle ore 19,30 dal porto di Piombino verso Portoferraio.

Le due famiglie di residenti elbani, una delle quali con una persona diversamente abile a bordo, erano in attesa di imbarcarsi avendo in mano regolare biglietto fatto alla stazione marittima quando, in base al loro racconto, il commissario di bordo ha fatto cenno di far salire le loro auto e in contemporanea invece il personale a terra ha chiuso i cancelli di accesso alla nave.

Le due famiglie sono rimaste disorientate dall'accaduto, non riuscendo a capire perché se dalla nave si dava il via libera per l'imbarco alle due auto in contemporanea da terra invece si chiudevano i cancelli per impedire l'accesso a bordo.

Da qui ci sono stati momenti di tensione dove le persone rimaste a terra hanno provato a contattare Capitaneria di porto e Forze dell'ordine finché uno dei passeggeri rimasti a terra, per far valere le sue ragioni, ha deciso di sedersi su una bitta alla quale era ormeggiato un cavo della nave, impedendo così la partenza della nave stessa. Dopo circa venti minuti movimentati è stato quindi riabbassato il portellone della nave, sono stati riaperti i cancelli e le due auto dei resident elbani sono state fatte salire a bordo.

Secondo quanto ci hanno riferito due dei passeggeri protagonisti della vicenda, all'interno della nave ci sarebbe stato spazio almeno per tre auto.

Un fatto increscioso e anche abbastanza incomprensibile che, stando a quanto ci ha riferito la persona che spesso deve recarsi fuori Elba per visite mediche, sembra accadere spesso.

Ricordiamo che nei giorni scorsi un episodio simile era stato segnalato e lo Spi-Cgil Elba aveva fatto richiesta che per ogni nave fossero lasciati almeno alcuni posti riservati ai residenti elbani che devono tornare a casa, soprattutto nel caso in cui il loro viaggio fuori Elba sia giustificato da motivi di salute (vedi gli articoli correlati sotto).

Valentina Caffieri
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità