QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°22° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 22 ottobre 2019

Attualità venerdì 15 maggio 2015 ore 18:42

Giuliani: "Nessun gioco di guerra, ma ricerca"

Il sindaco Giuliani risponde a Legambiente sugli scopi della manifestazione: "euRathlon è un progetto innovativo. Escluse implicazioni militari"



PIOMBINO — "Capisco e rispetto le perplessità e contrarietà espresse da Legambiente e dall’associazione “Restiamo Umani” sulla gara internazionale che si svolgerà presso gli spazi della centrale Enel di Torre del Sale dal 17 al 25 settembre prossimi. Ovviamente però non condivido le loro argomentazioni per una serie di ragioni, alcune delle quali già esplicitate nella lettera aperta inviata dalla University of the West of England di Bristol di due giorni fa.

Come già spiegato nei giorni scorsi, si tratta di un evento in cui robot terrestri, sottomarini e aerei ispezioneranno l’area di quella che sembra una catastrofe appena avvenuta, raccogliendo dati, identificando criticità e pericoli.

L’euRathlon Grand Challenge 2015 è una gara internazionale di robotica, e niente di più, ispirata all’incidente di Fukushima del 2011 e fa parte di un più ampio progetto europeo di durata triennale finanziato dalla Comunità europea a favore di una tecnologia che possa aiutare a gestire situazioni di crisi in casi di emergenza.

La finalità di testare droni per affrontare situazioni di disastro ambientale come quello tragico di Fukushima salvando così migliaia e migliaia di persone, dà a questa iniziativa un valore aggiunto ulteriore. Nell’organizzazione sono coinvolti molti soggetti, tra cui università e centri di ricerca come anche il CMRE, Centro Nato per la Ricerca Marittima e la Sperimentazione della Spezia. Il ruolo del CMRE in questo progetto, ma anche più in generale, è quello della ricerca scientifica con applicazioni in ambito civile.

Il Cmre, con altri nomi, è infatti attivo da 50 anni nel golfo della Spezia, e oltre a essere uno dei centri di ricerca più avanzati a livello mondiale è anche un luogo in cui convergono scienziati e ricercatori da tutti i paesi Nato, un punto di incontro tra cervelli e nazioni che opera per aumentare la conoscenza e la sicurezza in mare ricorrendo spesso alla robotica.

Ricordo inoltre che i droni sono tecnologie importantissime per la sanità, per le emergenze mediche, per la protezione civile e per molti altri usi a favore del miglioramento della qualità della vita. Con l’organizzazione di questo evento abbiamo voluto pertanto dare un contributo in questo senso, unendo all’aspetto ludico quello fortemente innovativo e scientifico che lo caratterizza e che niente ha a che fare con possibili utilizzi militari o con operazioni belliche.

Non meno importante infine, è l’occasione che questo evento ci offre di accogliere nel nostro territorio decine e decine di giovani universitari e ingegneri, studiosi di queste tecnologie, che avremo l’occasione di ospitare con molto piacere e che offriranno importanti possibilità di confronto. La condivisione del sapere è indispensabile per il mantenimento di elevati standard accademici e per lo sviluppo di quelle tecnologie necessarie per affrontare le sfide del mondo attuale.

L’obiettivo da parte di tutti gli organizzatori è inoltre quello di gestire l’organizzazione dell’evento con la massima trasparenza e apertura al dialogo, partecipando, ove possibile, a momenti di confronto per spiegare il più possibile la natura e le caratteristiche dell’evento".



Tag

Maltempo sul Nord-Ovest: strade allagate e città in tilt

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità