comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 19°28° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 10 luglio 2020
corriere tv
Post Covid, Lamorgese: «In autunno avremo grave crisi economica, c'è rischio concreto di tensioni»

Attualità sabato 06 giugno 2020 ore 12:30

Dall'economia del mare uno sprint per ripartire

Pesce (Foto di repertorio)

Tra Collesalvetti e Capalbio si trova il 46,7 per centro delle imprese blu toscane. Puntare al 2021 per superare le conseguenze dell'emergenza Covid



LIVORNO — La Camera del Commercio della Maremma e del Tirreno ha stilato il suo annuale rapporto sulla Blue economy elaborato dal Centro Studi e Servizi della Cciaa.

Anche questo settore ha subito le conseguenze del’emergenza Covid-19, tuttavia, i dati che emergono dalla notevole documentazione statistica elaborata ci restituiscono la fotografia di un come eravamo, uno scenario da cui ripartire e a cui attingere per considerazioni su uno dei settori di punta della nostra economia.

Sono 6.439 le imprese blu al termine del 2018, tra Grosseto e Livorno, ed occupano 27.958 persone: un potenziale che ha creato in un anno quasi un miliardo e mezzo di valore aggiunto e che, usando un moltiplicatore messo a punto dal sistema camerale per calcolare l’ulteriore impatto generato da queste imprese, produce un ulteriore valore aggiunto che supera i 2 miliardi e 600mila euro.

Ben il 46,7 per cento delle imprese blu in Toscana è insediato nel territorio livornese e maremmano: il 29,7 per cento in provincia di Livorno ed il 17 per cento in provincia di Grosseto. Questi dati fanno di Livorno la provincia toscana con il più alto numero di imprese legate all’economia del mare, seguita da Lucca e con Grosseto che conquista, sempre a livello regionale, il terzo posto. All’interno di questa galassia di attività economiche spicca la consistenza dei servizi di alloggio e ristorazione, delle attività sportive e ricreative, della cantieristica, della movimentazione merci e passeggeri, e, a Grosseto, della filiera ittica.

“Tutti settori che la pandemia ha messo in ginocchio – ha dichiarato il presidente Riccardo Breda - Nessuno immaginava una calamità come questa. Il 2020 ne sarà particolarmente segnato ed è difficile intervenire se non con aiuti concreti a livello nazionale. Bisogna puntare al 2021: programmiamo fin da ora la stagione turistica 2021. Tra gli altri interventi, la Camera di commercio sta consultando le piccole imprese con un’indagine che punta a indirizzare meglio la nostra azione e a far emergere di che cosa hanno bisogno le piccole e piccolissime attività economiche, e tra queste è stata riservata un’attenzione specifica a quelle blu”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità