QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°26° 
Domani 17°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 19 agosto 2019

Attualità sabato 13 luglio 2019 ore 17:39

Visite dermatologiche in cinque giorni

La rivoluzione sarà possibile grazie all’introduzione del cosiddetto modello “Open Access". Ecco in cosa consiste



LIVORNO — Da lunedì 15 luglio nella Zona Livornese tutte le prime visite dermatologiche saranno assicurate con tempi di attesa fino a 5 giorni . 

Lo rende noto l'Usl Toscana nord ovest annunciando che "La rivoluzione sarà possibile grazie all’introduzione del cosiddetto modello “Open Access” che prevede una offerta di prestazioni proporzionata alla richiesta a prescindere dalla classe di priorità indicata (urgente, breve o differita). Tale sistema consentirà così di abbattere ulteriormente le attese che, seppur migliorate nel 2019, erano critiche fino allo scorso anno".

"Dopo aver introdotto il modello per ecografie e alcuni tipi di visite  - sottolinea una nota dell'azienda- l’Usl Toscana nord ovest ha orientato i propri sforzi verso le visite dermatologiche per risolvere una problematica tradizionalmente complessa per la città di Livorno. L’incidenza dei melanomi, legata soprattutto ad una prolungata e scarsamente protetta esposizione al sole, è da anni una delle patologie a maggior incidenza sulla popolazione con conseguente ricaduta sul numero di richieste di accesso a prima visita dermatologica e quindi sui tempi di attesa. In questo modo sarà garantito ai cittadini di usufruire della prima visita nel giro di pochi giorni e poter avviare così, se necessario, il percorso successivo più appropriato. La settimana prossima - aggiunge l'Usl- partirà la zona livornese, ma sono già state avviate le azioni propedeutiche per estendere il modello anche alle Valli Etrusche quindi ai territori della Bassa Val di Cecina e Val di Cornia.

Il modello Open Access è basato sulla separazione dei flussi delle prime visite dalle visite di controllo (il cosiddetto “follow-up”), la conoscenza esatta della domanda mensile espressa dalla medicina generale su un determinato territorio per una determinata prestazione (es: quante visite dermatologiche al mese prescrivono i medici di famiglia sul territorio livornese?), l’equilibrio fra domanda e offerta, la continua modulazione della offerta per mantenere tale equilibrio.

Questo complesso meccanismo - spiega l'azienda- funziona grazie soprattutto al monitoraggio costante delle disponibilità, aggiungendo magari dei posti laddove le agende comincino a saturarsi. L’altro vantaggio immediatamente generato dalla separazione dei flussi delle prime visite dalle visite di controllo è che anche la prenotazione di queste ultime ha tempi certi ed appropriati. Chi, infatti, necessiti di ulteriori approfondimenti viene preso in carico direttamente dalla struttura alla quale si è rivolto. In questo modo la tempistica dei successivi controlli diviene così correlata alle reali necessità cliniche del paziente senza dover più tornare dal medico di famiglia per farsi prescrivere il controllo specialistico programmato".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità