QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 21°23° 
Domani 20°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 21 ottobre 2019

Attualità martedì 27 ottobre 2015 ore 17:57

Migranti a Campiglia, la risposta del Ministero

Il Movimento 5 Stelle di Campiglia Marittima e Venturina pubblica la risposta del ministero dell'interno all'interrogazione presentata in Parlamento



CAMPIGLIA MARITTIMA — "Vi ricordate del caso dei migranti di Campiglia Marittima? Si erano creati momenti di tensione con i cittadini della comunità locale che, ravvisando l'assenza di un piano di integrazione dell'autorità comunale, chiedeva l' intervento del primo cittadino di Campiglia".

Comincia così il post pubblicato sul profilo ufficiale del Movimento 5 Stelle di Campiglia Marittima e Venturina che avevano portato la questione migranti in Parlamento dopo gli episodi di tensione di qualche mese fa dovuto all'arrivo di nuovi migranti e richiedenti asilo nelle strutture di accoglienza del territorio.

E' la deputata Vega Colonnese a farsi portavoce della richiesta e a firmare il documento al quale il Ministero dell'Interno ha risposto. L'onorevole Colonnese ha così proseguito nel commento: "Il centro è gestito dall'Associazione 'Homo Diogene'. A parte la cattiva gestione in sè di questi centri di prima accoglienza, ravvisiamo comunque e sempre episodi di tensione e conflitto sociale fra migranti e cittadini che stanno interessando tutto il territorio nazionale. Le evidenti criticità di tutto il sistema di accoglienza, che il nostro Ministro si ostina a definire «emergenziale», mostrano l'esigenza di un approccio sistematico e strutturato del fenomeno, che attualmente non sta rispondendo in maniera efficace ed efficiente ad un fenomeno di per sè complesso, ma dove vengono assolutamente ignorate le indicazioni di buona prassi per la sua gestione".

Scorrendo il documento si legge che: "In relazione al perdurante e straordinario afflusso di cittadini stranieri che sta interessando l'intero territorio nazionale, questa amministrazione ha disposto le procedure di gara per reperire le strutture necessarie allo scopo (dare accoglienza, ndr)".

La gara per l'accoglienza e i servizi annessi è stata vinta dall'associazione Homo Diogene che ha concordato con la Prefettura l'utilizzo della struttura de I cinque lecci di Venturina per un massimo di 50 posti disponibili. Esauriti i quali si è reso necessario, sempre attraverso la medesima associazione, reperire ulteriori 20 posti, divisi in 5 appartamenti, presso La rosa dei venti ancora a Venturina.

Il ministero sottolinea che "Nelle due strutture sono stati allestiti alloggi separati per uomini e donne e nuclei familiari con bagni appositamente dedicati e una particolare attenzione è stata dedicata alle donne in stato di gravidanza".

Il documento prosegue rassicurando che "le attività degli ospiti, la sua variazione e le problematiche incontrate vengono segnalate attraverso report quotidiani alla Prefettura".

In ultimo il ministero dell'interno avverte che: "Laddove sia temporaneamente esaurita la disponibilità nei centri di prima accoglienza e nella rete dello Sprar spetta alla prefettura individuare strutture temporanee adibite all'accoglienza dei migranti e previa consultazione dell'ente locale".



Tag

«Report», l'indagine sulle capsule di caffè che non si smaltiscono e quelle (poche) di alluminio riciclate

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Sport

Attualità