comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 18°24° 
Domani 18°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 22 settembre 2020
Giani
863.365
 
48.62%
Ceccardi
718.302
 
40.45%
Galletti
113.667
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.664
 
2.23%
Barzanti
16.052
 
0.90%
Catello
16.988
 
0.96%
corriere tv
Elezioni Puglia, Emiliano festeggia la vittoria mangiando un panzerotto

Politica giovedì 05 novembre 2015 ore 11:50

Ospedale unico, non abbassare la guardia

In programma due incontri che coinvolgono la Val di Cornia e la Bassa Val di Cecina per comprendere le caratteristiche di un ipotetico ospedale unico



PIOMBINO — Si accende il dibattito sul progetto dell’ospedale unico Cecina-Piombino. L’assetto della sanità pubblica, infatti, sarà protagonista di un nuovo incontro targato Partito Democratico fissato per venerdì 6 novembre, alle ore 21, presso il Palazzetto dei Congressi a Cecina.

Il PD farà il punto sulla legge regionale 28/2015 alla presenza del presidente della Commissione Sanità in Consiglio Regionale Stefano Scaramelli e della responsabile Sanità del PD toscano Stefania Magi.

All’incontro, tra gli altri, saranno presenti anche il segretario territoriale PD Val di Cornia-Elba Valerio Fabiani, il consigliere regionale Gianni Anselmi, i sindaci e i segretari comunali PD dei Comuni della Provincia di Livorno. L’iniziativa farà da apripista per il consiglio comunale aperto che si svolgerà a Rosignano il 12 novembre e, soprattutto, fare chiarezza sui servizi al cittadino.

Le sorti degli ospedali non sono ancora scritte. Mentre i sindaci della Bassa Val di Cecina hanno prodotto un documento che appoggia la fusione tra i presidi di Cecina e Piombino purché si tutelino i servizi attualmente forniti, venerdì sera il PD discuterà l’ipotesi di costruzione di una rete con il mantenimento dei servizi complessi fondamentali. Intanto, in molti si sono schierati a favore del referendum abrogativo del piano sanitario regionale, mettendo a disposizione gazebi e militanti. A cuore dei piombinesi, invece, rimane la salvaguardia del Punto Nascita che, attraverso una petizione popolare già protocollata in Comune e in Regione, ha visto l’adesione di 3.000 cittadini. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Politica

Politica