QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 22°23° 
Domani 21°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 17 settembre 2019

Attualità lunedì 28 settembre 2015 ore 15:19

Pd: "Necessario ripensare la Parchi"

La direzione Pd riflette sul ruolo e le competenze della Parchi Val di Cornia il cui cda è in scadenza, guardando a Elba e Parco Nazionale



SUVERETO — "Abbiamo da tempo iniziato - si legge - un cammino orientato al rinnovo dei gruppi dirigenti delle aziende dei nostri Comuni incoraggiando una discussione il più possibile approfondita sulle linee guida sulle quali orientare il lavoro in coerenza col progetto che abbiamo immaginato per il nostro territorio. Il partito si impegna nella discussione politica che chiama in causa un'azienda pubblica. Non ci occupiamo di Cda e di nomi se non per cercare di dare un contributo rispetto ai criteri politici - per ispirare le scelte. Serve lo stesso metodo utilizzato per Asiu e Tap".

"La società di cui si parla può e deve giocare un ruolo cruciale nel lavoro che stiamo mettendo in atto per disegnare il nuovo modello di sviluppo di questo territorio. Per questo abbiamo deciso di dare un contributo riassestando i nostri tavoli di lavoro tematici. Cominceremo il 24 ottobre a San Vincenzo per chiudere a Piombino".

«La Parchi è l'unica azienda per cui il Cda non sia stato ancora rinnovato e bisogna che a questo rinnovo segua quello di una strategia: non solo nomi, ma anche cosa fare. Siamo di fronte a una società anomala, ma questa caratteristica ha rappresentato una formidabile intuizione: non rinunciare a quelle che sono le funzioni del nostro territorio, ma dotarsi di uno strumento di governo in grado di creare energie, consolidare il processo di diversificazione economica di cui ancora si parla e che cercava di fronteggiare la terribile crisi della siderurgia degli anni Novanta".

"Il lavoro fatto in quella società deve essere rivendicato con orgoglio dal nostro territorio, conservato e trasmesso anche alla nuova Parchi. Lo dobbiamo fare nel rispetto di chi ci ha lavorato in questi anni pur in difficoltà enormi, specie negli ultimi tempi. La Parchi è oggetto di riconoscimento e punto di riferimento del panorama nazionale, ma da ciò che si legge sulla stampa, non solo quella locale, emergono delle contraddizioni tra la percezione del territorio - che verte spesso sul disservizio - e quella nazionale che ci indica questa società come modello assoluto anche in rapporto al sistema museale nazionale di serie A. 

Se localmente la funzione di questa società è molto cambiata noi dobbiamo intervenire, quella è una società dei Comuni, frutto di una scelta politica, perché pensiamo che sia una scelta di buon governo di un territorio pregiato. Questo è sostenibile se attorno c'è una consapevolezza diffusa nella comunità, cittadini, studenti, imprenditori turistici. Questo è il primo punto che abbiamo di fronte: come questa società possa tornare ad aver un ruolo di primo piano in questo territorio. 

Se per fare questo c'è bisogno di affrontare il nodo dell'eccesso di rigidità talvolta percepito, noi dobbiamo avere il coraggio di farlo. Noi e insieme a noi i Comuni, che hanno cominciato a pensare a forme di associazione tra Parchi e imprese turistiche per un reciproco contributo. Questo ragionamento deve essere portato avanti con determinazione, ma sulla mission della Parchi la discussione tra noi deve fare un salto di qualità"».

"Alcune voci dell'economia di questo territorio debbono scalare la classifica per collocarsi dalle parti della siderurgia, agricoltura e turismo. Sul turismo abbiamo fatto veloci e spediti passi, ma sappiamo anche quali siano le potenzialità inespresse, per tante ragioni. Crediamo che si debba conservare la parte importante del valore che attiene alla Parchi per la conservazione dei beni, ma anche affiancare un più robusto ruolo di promozione turistica, mettere mano alla sua organizzazione, trascinarla sul terreno della nostra discussione politica, che coinvolge anche altre realtà territoriali limitrofe che provano a uscire dalla crisi. Quindi servono interazione col settore archeominerario e per avere una proposta turisticamente forte anche nei nuovi mercati internazionali, dobbiamo uscire dai confini tradizionali (non si può parlare di turismo senza Elba e Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano).

"L'unica cosa che ci sentiamo di condividere a proposito del nostro contributo al cda della Parchi: si prosegua con il modello Asiu. Competenze al primo posto, professionalità, indipendentemente dall'appartenenza politica. È opportuno che questo cambio avvenga mettendo in sicurezza la prossima stagione per fare in modo che il nuovo gruppo dirigente abbia tutto il tempo per programmarla".



Tag

Il bambino caduto dal balcone a Lodi: ecco come Angel lo ha salvato | Video

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Attualità