QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°16° 
Domani 13°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 12 novembre 2019

Attualità mercoledì 09 novembre 2016 ore 16:11

Ecco le norme speciali per la mobilità in deroga

Accordo che riguarda circa 9mila lavoratori. Con una variazione di bilancio ad hoc è stato rimpinguato il fondo per i contratti di solidarietà



PIOMBINO — La Regione Toscana ha siglato l'accordo con le parti sociali per dare attuazione al decreto dello scorso ottobre sulla proroga degli ammortizzatori in deroga. Il patto riguarda le aree di crisi complessa di Livorno, Piombino, Massa Carrara e Amiata. A firmare nella sala del Palazzo Strozzi Sacrati l'assessora al lavoro Cristina Grieco e il consigliere del presidente in materia Gianfranco Simoncini.

"L'accordo consentirà di dare un sostegno al reddito dei lavoratori che hanno perduto le prestazioni di tutela del reddito per la disoccupazione involontaria", ha detto Grieco. 

In particolare, nelle quattro aree di crisi regionale potranno essere concessi tre mesi di mobilità aggiuntiva a chi, dopo essere stato licenziato, ha terminato le misure di protezione sociale e di sostegno al reddito negli ultimi 12 mesi (entro il 31dicembre 2016) e anche per chi esaurirà l'indennità di mobilità ordinaria entro aprile 2017. Nell'intero territorio regionale, invece, potranno essere garantiti tre mesi aggiuntivi a chi esaurisce la mobilità entro la fine dell'anno a partire dall'8 ottobre 2016, data in cui è entrato in vigore il decreto del Ministero.

Per la cassa integrazione in deroga, visto l'intervento nazionale che offre la possibilità, nelle aree di crisi complessa, di poter avere un anno di cassa integrazione in più, si propone per le aree di crisi regionale la possibilità, per le aziende escluse dalla norma nazionale, la possibilità di avere ulteriori tre mesi di cassa in deroga. Tutto ciò a condizione che i trattamenti inizino prima del 31 dicembre poiché dal 1 gennaio 2017 la Cig in deroga non sarà più attiva. Ulteriore novità è rappresentata dalla possibilità di accedere alla mobilità in deroga ai lavoratori che andrebbero in mobilità dal 31 dicembre prossimo fino al 30 aprile 2017, purché presentino domanda di usufruirne entro il prossimo 16 dicembre.

Con l'approvazione del decreto dirigenziale n.11387/2016, infine, è stata revocata la sospensione dell'integrazione da parte della Regione Toscana per i contratti di solidarietà, disposta nell'agosto 2015 per esaurimento delle risorse disponibili. Il nuovo avviso pubblico verrà pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana mercoledì 16 novembre.

CRISTINA GRIECO SU ACCORDO PER LA MOBILITA' IN DEROGA


Tag

Meloni: "Draghi al Colle? Not in my name"

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica