QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 24°28° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 25 giugno 2019

Politica sabato 23 marzo 2019 ore 08:25

Il Circolo delle fabbriche Pd bacchetta Ferrari

"Chi si candida a guidare la città dovrebbe sapere che non è nelle prerogative di un sindaco decidere o interferire nelle strategie di una azienda"



PIOMBINO — Il Circolo delle Fabbriche Pd è intervenuto sulla questione dei test di laminazione di acciai automatici o acciai al piombino per inserire questa produzione nel pacchetto prodotti del Tmp nello stabilimento Aferpi. Argomento che a suscitato molte perplessità nell'opinione pubblica e tra gli addetti ai lavori, oltre alla richiesta di un attento monitoraggio da parte dei sindacati (leggi qui sotto gli articoli correlati).

"Come prevedibile le perplessità non sono tardate ad arrivare e, purtroppo, con esse anche coloro che non hanno perso la ghiotta occasione per cavalcarle a fini politici. - hanno commentato dal Circolo delle fabbriche Pd - La campagna elettorale per le amministrative incombe e l'argomento ben si presta, ovviamente. Proviamo però ad uscire da questa logica e fare una serie di considerazioni. Chi si candida a guidare una città come Piombino dovrebbe ben sapere che non è nelle prerogative di un sindaco decidere o interferire nelle strategie di una azienda privata in particolar modo quando, constatazione oggettiva, della disciplina se ne conosce davvero poco".

"Decidere cosa produrre e come non spetta né ad un sindaco, né al sindacato: questo principio è vero non solamente per Aferpi ma per qualunque azienda. - hanno spiegato - Prerogativa di un sindaco, o aspirante tale, è la tutela della salute pubblica. Prerogativa di un sindaco, o aspirante tale, è pretendere che qualunque produzione o attività industriale venga svolta seguendo tutte le procedure e le prescrizioni che enti pubblici preposti alla vigilanza, come Arpat e Asl, decidono di imporre. Sta all'azienda poi la valutazione finale sulla sostenibilità economica di un qualunque tipo di produzione, acciai al piombo compresi, al netto dei costi necessari al rispetto di prescrizioni e pratiche operative di sicurezza.
Jsw non è qui per buttare soldi. Tutto questo dovrebbe essere chiaro a chiunque, in particolar modo ad un sindaco, o aspirante tale. Si rileva invece un inquietante abdicazione preventiva del proprio ruolo di controllo e di tutela, come già avvenuto per la questione Rimateria". 

Il riferimento va alle recenti dichiarazioni di Francesco Ferrari in merito alla questione Aferpi.

"Con una buona dose di umiltà, un aspirante sindaco dovrebbe chiedere spiegazioni a chi questa materia la conosce, le organizzazioni sindacali che rappresentano i lavoratori in primis: si è invece preferito non incontrarle e cavalcare i timori della gente, rischiando di avvelenare ulteriormente il dibattito, per un semplice calcolo elettorale. - hanno aggiunto - Veramente un paradosso, per chi si erge a paladino dei comitati. Un paradosso in perfetta coerenza con quella che è la linea nazionale della destra di governo".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Lavoro