QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°16° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 18 novembre 2019

Agenda Elettorale sabato 10 febbraio 2018 ore 22:20

Udc, per Coppola da Governo funzione narcotizzante

Luigi Coppola

Questa la sensazione di Luigi Coppola, candidato al Senato collegio Toscana 2 per la lista Noi con l'Italia-Udc, in merito alla questione Aferpi



PIOMBINO — "La vicenda Aferpi è sempre più contorta, oramai è evidente che le dichiarazioni in merito e le azioni intraprendibili decantate abbiano più una funzione narcotizzante ai fini elettorali che qualcosa di concreto. Oramai parlare di inadempienze della proprietà non ha più senso di fronte all’evidenza consolidata da mesi e mesi". Parole di Luigi Coppola, candidato al Senato collegio Toscana 2 per la lista Noi con l’Itala-UDC.

"Il ministro Calenda non si capisce cosa realmente abbia in mente, è evidente che voglia far passare le elezioni prima di fare una scelta definitiva, ma ineludibile. - ha aggiunto - Sui probabili contatti fra Jindal e Rebrab non si hanno certezze, forse sono solo espedienti per prendere tempo, anche perché il colosso indiano dell’acciaio potrebbe attuare una strategia diversa nel caso fosse concretamente interessato a Piombino. Soprattutto sarebbe più oneroso acquistare gli impianti di suo interesse dal magnate algerino che aspettare eventi futuri. Peraltro, anche se avvenisse un’ipotetica transazione, varrebbe per piccoli spezzoni produttivi del comparto; sarebbe opportuno chiedersi fin da subito quale sarebbe il percorso per le restanti aree e le relative concessioni demaniali. Ricordiamo che, a parte le azioni giudiziarie possibili, tutti gli altri tipi di intervento, compresa una nuova procedura straordinaria, dovrebbero essere concordati con Rebrab, al netto dei margini giuridici e finanziari disponibili per andare avanti in tal senso". 

Da domandarsi, per Coppola, quale sia l’obbiettivo e soprattutto a cosa serva tale iniziativa, a fronte di una situazione di conclamata inadempienza sotto tutti i punti di vista da parte della proprietà. 

"Da un lato tutti chiedono un nuovo accordo di programma ed un nuovo commissario, dall’altro le Istituzioni si dovrebbero riunire per discutere di percorsi progettuali oramai superati. - ha aggiunto - Questa cosa ha poco senso e stimola forti perplessità. Dulcis in fundo la notizia delle indagini relative al danno ambientale per iniziativa della procura di Livorno, che ha portato in questi giorni al ritrovamento da parte dei Carabinieri di 6 siluri interrati nelle aree del parco rottami". 

"Questo territorio continua a rimanere ostaggio di una interminabile vertenza politica (e non di lavoro), rimandando a tempo indefinito la riprogrammazione economica, e l’evoluzione di una nuova ed indispensabile prospettiva imprenditoriale alternativa", ha concluso Coppola.



Bologna, rubano bancomat alle Poste e intascano un milione: 3 arresti

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità