QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 14 novembre 2019

Lavoro domenica 15 ottobre 2017 ore 17:31

Per Camping Cig seguire le mosse degli operai Ilva

"Senza mobilitazioni ogni buon proposito resta una frase vuota", Camping Cig riscrive le regole dell'attivo dei delegati per la questioni Aferpi



PIOMBINO — Il coordinamento Articolo 1 Camping Cig torna a dire la sua dopo il Consiglio di fabbrica delle Rsu Aferpi e Piombino Logistics e, soprattutto, a sottolineare che quanto evidenziano oggi le organizzazioni sindacali loro lo avevano espresso già due anni fa.

Tra i punti salienti: la necessità di porre fine all'epoca Cevital su tutto il fronte (siderurgia, logistica e porto); l'urgenza che il Governo prenda in mano la situazione per far ripartire quanto prima lo stabilimento; la parola d'ordine “Piombino deve tornare a colare acciaio”; la necessità di tutelare il reddito dei lavoratori diretti e indiretti fino a compimento dei processi di reindustrializzazione della zona; il grande ritardo riscontrato.

"L'eccezionalità della situazione richiede che si metta in campo tutta la forza di mobilitazione dei lavoratori e della città, come già vanno facendo i lavoratori dell'Ilva di Genova e Taranto. - hanno ribadito Camping Cig - Solo mobilitazioni incisive possono portare Piombino alla ribalta come emergenza di dimensione nazionale, parte rilevante della crisi siderurgica nazionale". 

Proprio gli aderenti al Camping Cig sono reduci da un'iniziativa di sensibilizzazione e protesta sottolineando l'urgenza di una reazione forte al precipitare della situazione (leggi l'articolo correlato). "La risposta non può esaurirsi nella proposta di un attivo dei delegati. - hanno commentato dal coordinamento - L'attivo dei delegati previsto per il 18 ottobre deve essere innanzi tutto aperto a tutti i lavoratori e alla cittadinanza; ma soprattutto deve costituire l'avvio di mobilitazioni per costruire il più ampio movimento delle categorie delle aziende in crisi, con forme dure di contestazione che mettano il Governo e le istituzioni di fronte alle loro responsabilità e le costringa ad agire concretamente e rapidamente".



Tag

Mose, Fiorello in diretta: «7 mld per un opera che non serve a niente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Attualità