QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°17° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 15 novembre 2019

Lavoro sabato 09 novembre 2019 ore 17:13

"Jindal? Probabile che realizzi meno del promesso"

Camping Cig: "Non è stata fornita alcuna anticipazione, anche solo sommaria, sul piano di fattibilità almeno per il primo forno elettrico"



PIOMBINO — "Non ci è piaciuto che sia stato il sindaco a recarsi in fabbrica per il colloquio e non Jindal a recarsi in visita presso il Municipio, cosa che avrebbe espresso meglio il rispetto per l’istituzione e la cittadinanza. A noi piacerebbe vedere una netta discontinuità rispetto alla subordinazione passiva (e pesantemente dannosa) che fu espressa in tutto il percorso di redazione dell’Accordo di Programma", così il Coordinamento Art. 1 - Camping Cig ha voluto commentare, dal punto di vista formale, la visita di Sajjan Jindal presidente del gruppo Jsw a Piombino.

"Dovrebbe allarmare non poco il fatto che non sia stata fornita alcuna anticipazione, anche solo sommaria, sul piano di fattibilità almeno per il primo forno elettrico, dopo che si era voluto imporre un periodo di attesa spropositatamente lungo per dirci quale potrebbe essere il futuro della fabbrica. Ciò rafforza la valutazione che abbiamo già espresso da tempo: - ha aggiunto - il mega piano da un miliardo di investimenti non esiste più; è molto probabile che Jindal non lasci Piombino, ma che realizzi molto meno di quanto ha promesso. Sollecitiamo di nuovo Istituzioni, Sindacati e Partiti a prenderne atto e correre rapidamente ai ripari, passando con decisione alla costruzione delle alternative occupazionali".

"Dal punto di vista sostanziale, - proseguono - l’unica novità emersa ci sembra la riduzione di 8,7 milioni degli investimenti sinora promessi sui treni attuali. Infatti, a fronte di 48,7 mln (30 già annunciati sulla tempra delle rotaie e 18,7 per manutenzioni straordinarie, come indicato nel business plan), ieri ne sono stati confermati solo 40. Inoltre, continua lo scarica-barile tra Azienda, che deve avviare gli investimenti, e Governo, che deve assicurare l’abbattimento dei costi dell’ energia; scaricabarile utile ad ambedue come alibi all’immobilismo. A noi pare - hanno concluso - che continui la strategia aziendale del rinvio e risparmio all’osso (su personale e impianti), tenendo la postazione di Piombino, per tempi indefiniti, in funzione dei possibili sviluppi futuri della guerra tra colossi dell’acciaio; con ciò bloccando le scelte della città in materia di assetti urbanistici, di bonifica e di utilizzo di vasti territori a fini di diversificazione economica".

Infine, un appello a organizzazioni sindacali, comitati e cittadini ad andare a Roma per il prossimo incontro al Mise, probabile per il mese di dicembre.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità