QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 9° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità lunedì 02 aprile 2018 ore 14:55

Canile, oltre ai ritardi dubbi sul progetto

Potrebbe essere terminato alla fine di Aprile, ma per La Casa di Margot il canile minimo sembra essere "troppo minimo" per il benessere dei cani



PIOMBINO — Si sono verificati un po' di ritardi, ma per la fine di Aprile il canile minimo di Piombino dovrebbe essere pronto. Intanto, però, sono state sollevate delle perplessità sul tipo di struttura che si sta realizzando preoccupati per il soggiorno dei cani nella nuova area attrezzata a Montegemoli.

E' l'associazione La Casa di Margot che in questi giorni si è avvicinata al cantiere per vedere come stessero procedendo i lavori.

"Sono rimasta davvero sconvolta: che il luogo non fosse ameno lo sapevo, sono di Piombino, ma vedere quelle gabbie di ferro montate in mezzo alla desolazione più totale, alla polvere di una sterrata, senza neanche un filo d’erba, con tettoie troppo corte per ripararli dal sole cocente, mi ha fatto male. Pensare che un povero cane dovrà passare in quell’ambiente esposto a tutte le intemperie forse la sua intera esistenza è poco rassicurante", ha commentato Maria Cristina Biagini della Casa di Margot.

Per la Biagini sarebbe stato utile e opportuno un percorso partecipato coinvolgendo tutte le associazioni che si occupano di protezione animali per mettere insieme idee e progetti.

"E’ vero che il canile è ben lungi dall’essere terminato e che molti piccoli o grandi accorgimenti potrebbero essere adottati anche ora. - ha aggiunto - Ad esempio tettoie più lunghe, riportare terra e seminare un prato, siepi frangivento diffuse, piantare alberi già adulti e di rapido accrescimento, riparare i box da più lati, tanto per dire alcune cose a cui forse il Comune avrà già pensato, ma ce ne sarebbero tante altre. O forse non ci ha pensato e allora noi vogliamo dare la nostra disponibilità a vedere insieme l’attuazione di questo progetto allo scopo di limitare i danni che l’individuazione di una zona a nostro avviso totalmente inidonea porterà ai cani".

L'associazione è pronta a incontrare l'Amministrazione con il solo obiettivo di realizzare una struttura moderna, avanzata e garante del benessere animale. Il timore è che questa occasione venga sprecata.



Tag

«121269», il podcast che racconta la strage di Piazza Fontana: ascolta la prima puntata integrale in anteprima

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Politica

Attualità