QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13° 
Domani 14°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 27 gennaio 2020

Elezioni giovedì 02 maggio 2019 ore 19:52

Spirito Libero, "non si deve spegnere la musica"

Stefano Ferrini

Il candidato a sindaco di Spirito Libero Stefano Ferrini ha ricordato l'esistenza del piano di zonizzazione acustica e il necessario aggiornamento



PIOMBINO — La lettera che il Comune di Piombino ha inviato a vari esercizi commerciali del centro dopo gli esposti di alcuni cittadini per la musica in tarda serata ha scatenato il dibattito cittadino. L'argomento è stato colto dal candidato a sindaco di Spirito Libero Stefano Ferrini che ha commentato l'accaduto.

Se da un lato la comunicazione dell'avvio dei controlli da parte del Comune risulta un atto dovuto a fronte degli esposti, per Ferrini sono d'obbligo altre considerazioni.

"Piombino deve e vuole cambiare perché si è rotto un equilibrio sociale, economico e politico incentrato sulla centralità della fabbrica. Questo non vuol dire che l'industria non c'è più o non ci sarà, ma che accanto ad essa dovranno crescere altre economie con maggiore forza. Tra queste senz'altro ed in primis il turismo. Una città senza musica non è una città turistica. Non basta da sola, ma serve anch'essa ad offrire al turista momenti di divertimento e spensieratezza, quello che si vuole quando si è in vacanza. Questo implica che anche noi cittadini dobbiamo giocoforza cambiare approccio", ha commentato Ferrini.

"Se dobbiamo diventare sempre più una città turistica, dobbiamo abituarci a perdere un po' di sovranità sulla città stessa, che diventa anche di altri, di coloro che dobbiamo saper e voler accogliere sapendo che da questo ne trarremmo ricchezza ed occupazione per noi e per i nostri figli. La seconda considerazione, - ha aggiunto - che è indirettamente dipendente dalla vicenda degli esposti, riguarda il piano di zonizzazione acustica, cioè lo strumento che regola tutta la materia della musica dal vivo nei bar, ristoranti, etc. Esiste un ordine del giorno, peraltro presentato dal Pd e votato da quasi tutte le forze politiche di maggioranza ed opposizione, compreso la mia, cioè Spirito Libero, che impegnava il sindaco a rivedere tale piano dando anche indicazioni precise sulle modifiche da fare. E' rimasto lettera morta". 

"Chiunque diventerà sindaco dovrà riprenderlo perché il piano attuale è figlio di una impostazione di chiusura non più accettabile per una città che vuol cambiare, trovando naturalmente un nuovo equilibrio tra cittadini e turisti", ha concluso Ferrini.



Tag

Regionali, Borgonzoni padre: 'Non mi dispiace per mia figlia'

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Attualità

Lavoro