QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 12° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 19 marzo 2019

Politica domenica 25 novembre 2018 ore 15:47

"I 350mila euro persi e la delibera bugiarda"

Francesco Ferrari in Consiglio comunale

La fideiussione di Rimateria non è stata ritenuta valida, per il consigliere Ferrari un danno erariale. Su Finworld? "Prevedibile e lo avevamo detto"



PIOMBINO — "I 350mila euro persi e la delibera bugiarda", grida allo scandalo il consigliere comunale Francesco Ferrari che alla notizia della bocciatura da parte della Regione Toscane della fideiussione di Rimateria a Finworld

Un finale prevedibile, secondo il consigliere di centrodestra, che già a aveva firmato un'interrogazione proprio per sapere che fine avevano i 350mila euro prestati dal Comune di Piombino a Rimateria per pagare la fideiussione chiesta dalla Regione. 

"La risposta la apprendiamo dai media anziché dalla giunta: - ha continuato Ferrari - quella fideiussione non è stata ritenuta valida dalla Regione, in quanto alla società Finworld è stato vietato di operare come intermediario finanziario. Dunque 350mila euro di soldi pubblici sono andati persi. Un fulmine a ciel sereno? Assolutamente no. Era prevedibile e noi lo avevamo detto già prima del prestito considerate le plurime vicende giudiziarie a cui la Finworld era sottoposta. È palese come non vi sia stata sufficiente attenzione; un buon padre di famiglia a quella Finworld non avrebbe dato neppure dieci euro".

Per il consigliere Ferrari ci troviamo di fronte a un danno erariale

"Rimateria non recupererà mai neppure un centesimo di quei soldi dati a Finworld ma dovrà pagare una seconda fideiussione e, al contempo, restituire il prestito ricevuto al Comune; quest’ultimo, tuttavia, - ha spiegato Ferrari - in qualità di proprietario di quote di Rimateria, è comunque danneggiato da una superficiale gestione della cosa pubblica. Ecco spiegato il danno subito dal Comune: è ora che a pagare, invece dei cittadini, sia chi ha sbagliato. 

Da ultimo una chicca: - ha concluso - la delibera discussa nel Consiglio comunale del 16 Luglio, parlava di un prestito di 350mila euro in favore di Rimateria per pagare la fideiussione; ed invece, scopriamo adesso che quella fideiussione era già stata pagata sei giorni prima. Tra tutti gli errori della presente amministrazione, quello di una delibera bugiarda ci mancava".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Attualità