QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°14° 
Domani 13°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 17 novembre 2019

Politica domenica 25 novembre 2018 ore 15:47

"I 350mila euro persi e la delibera bugiarda"

Francesco Ferrari in Consiglio comunale

La fideiussione di Rimateria non è stata ritenuta valida, per il consigliere Ferrari un danno erariale. Su Finworld? "Prevedibile e lo avevamo detto"



PIOMBINO — "I 350mila euro persi e la delibera bugiarda", grida allo scandalo il consigliere comunale Francesco Ferrari che alla notizia della bocciatura da parte della Regione Toscane della fideiussione di Rimateria a Finworld

Un finale prevedibile, secondo il consigliere di centrodestra, che già a aveva firmato un'interrogazione proprio per sapere che fine avevano i 350mila euro prestati dal Comune di Piombino a Rimateria per pagare la fideiussione chiesta dalla Regione. 

"La risposta la apprendiamo dai media anziché dalla giunta: - ha continuato Ferrari - quella fideiussione non è stata ritenuta valida dalla Regione, in quanto alla società Finworld è stato vietato di operare come intermediario finanziario. Dunque 350mila euro di soldi pubblici sono andati persi. Un fulmine a ciel sereno? Assolutamente no. Era prevedibile e noi lo avevamo detto già prima del prestito considerate le plurime vicende giudiziarie a cui la Finworld era sottoposta. È palese come non vi sia stata sufficiente attenzione; un buon padre di famiglia a quella Finworld non avrebbe dato neppure dieci euro".

Per il consigliere Ferrari ci troviamo di fronte a un danno erariale

"Rimateria non recupererà mai neppure un centesimo di quei soldi dati a Finworld ma dovrà pagare una seconda fideiussione e, al contempo, restituire il prestito ricevuto al Comune; quest’ultimo, tuttavia, - ha spiegato Ferrari - in qualità di proprietario di quote di Rimateria, è comunque danneggiato da una superficiale gestione della cosa pubblica. Ecco spiegato il danno subito dal Comune: è ora che a pagare, invece dei cittadini, sia chi ha sbagliato. 

Da ultimo una chicca: - ha concluso - la delibera discussa nel Consiglio comunale del 16 Luglio, parlava di un prestito di 350mila euro in favore di Rimateria per pagare la fideiussione; ed invece, scopriamo adesso che quella fideiussione era già stata pagata sei giorni prima. Tra tutti gli errori della presente amministrazione, quello di una delibera bugiarda ci mancava".



Tag

A Firenze sale l'Arno, vicino al livello di criticità di 5,5 metri: il fiume visto dagli argini fa paura

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità