QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°19° 
Domani 15°18° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
giovedì 23 maggio 2019

Attualità martedì 16 maggio 2017 ore 16:05

C'è l'accordo per rilanciare il Parco di Montioni

Sono cinque i Comuni che firmeranno il protocollo per la valorizzazione e la conservazione della riserva s seguito della recente normativa



PIOMBINO — Tutela, valorizzazione e conservazione dei beni del patrimonio agricolo, forestale e ambientale del Parco di Montioni. Con questi obiettivi domani, mercoledì 17 maggio alle 10 presso il Comune di Follonica, verrà sottoscritto un protocollo dai Comuni di Campiglia Marittima, Follonica, Massa Marittima, Piombino e Suvereto per la gestione unitaria del Parco di Montioni.

A fronte della nuova normativa della Regione Toscana su parchi e aree protette, infatti, i Comuni avevano deliberato di mantenere il parco di Montioni come riserva regionale, non figurando più tra le casistiche previste come parco interprovinciale.

I 5 Comuni coinvolti hanno pertanto definito questo nuovo protocollo creando un gruppo unitario con il coinvolgimento anche della Parchi Val di Cornia e del Parco Tecnologico e Archeologico delle Colline Metallifere che dovrà essere riconosciuto formalmente dalla Regione. Le proposte di lavoro prevedono tutta una serie di azioni specifiche finalizzate a rilanciare il Parco di Montioni attraverso: l'organizzazione di percorsi naturalistici, completi delle indicazioni necessarie per i frequentatori; la definizione di un piano di pubblicizzazione del Parco (inserimento ed utilizzo di siti web, segnaletica viaria attorno al Parco stesso, organizzazione degli accessi); la ricognizione delle strutture edilizie presenti per definirne ipotesi di uso e destinazione, per poi individuare la forma e le modalità di promozione; il censimento e la pianificazione di interventi di recupero e valorizzazione del patrimonio storico-culturale; la definizione di un progetto di percorsi bike ed ippici, anche di collegamento con le aree costiere e le altre riserve o parchi (coinvolgendovi associazioni ed operatori turistici); il collegamento al CNR, alla regione ed alle associazioni qualificate, per la promozione di forme compatibili di agricoltura e gestione forestale (creando anche occupazione).

Con questa scelta, dunque, il gruppo di lavoro vuole mettere nero su bianco il progetto unitario e strategico di evoluzione di questa grande area, costruendo relazioni e sinergie con gli altri Parchi. La firma del protocollo sarà il primo passo.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità