QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 25°27° 
Domani 24°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 21 agosto 2019

Attualità mercoledì 12 ottobre 2016 ore 12:00

Così il canile non può restare

Foto d'archivio

Il Comune ha perso la causa contro un privato cittadino che ha contestato l'abbaiare ininterrotto dei cani. Pronti al ricorso



PIOMBINO — Entro 90 giorni il problema delle emissioni sonore superiori ai limiti di tollerabilità dovranno essere risolte, altrimenti associazione e cani dovranno traslocare dal canile. E' questo il risultato del procedimento civile con il quale l'avvocato Alessandro Napoleoni aveva fatto causa al Comune di Piombino. 

La notizia, riportata dal quotidiano La Nazione, riporta uno scenario non semplice da risolvere. La prima ipotesi è che il canile traslochi, la seconda è che si intervenga strutturalmente per migliorarlo e "insonorizzarlo" con un preventivo in mano di 230mila euro. Pena il risarcimento danni a favore dei ricorrenti.

Ad aggravare la situazione, già grave per l'abbaiare ininterrotto secondo l'avvocato, è lo sporco e la comparsa di ratti nella zona. L'avvocato aveva nel 2012 aveva deciso di acquistare casa alla Tolla dopo aver saputo che il canile sarebbe stato spostato, ma l'anno successivo proprio dal Comune sono stati effettuati di lavori di restyling (leggi l'articolo correlato). Da qui la decisione di fare causa al Comune.

Ore il Comune ha tempo 15 giorni per fare reclamo e poi bisognerà valutare cosa fare. Certo è che attualmente nella struttura ci sono 50 cani gestiti dall'Enpa.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Sport

Politica

Attualità