QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 24°28° 
Domani 25°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 25 giugno 2019

Cronaca lunedì 27 febbraio 2017 ore 19:26

Frode e bancarotta, imprenditore in carcere

Altre sei, invece, le persone indagate tra Toscana, Sicilia e Campania. C'è anche un tedesco indicato come prestanome dell'imprenditore



PIOMBINO — Rilevava le società, spesso in difficoltà finanziaria, le spogliava del patrimonio rivendendole a prezzi sovrastimati non pagati dall'acquirente con il solo scopo di creare crediti Iva da utilizzare indebitamente in compensazione per il pagamento di tributi. Questa la principale accusa nei confronti di un imprenditore di 52 anni di origini siciliane ma domiciliato a Piombino e che da anni lavora in Val di Cornia nel settore delle costruzioni. 

L'operazione condotta dalla Guardia di Finanza è partita due anni, da quanto è stata accerta la sua prima bancarotta fraudolenta. Con l'avanzamento delle indagini è emerso un giro di fatture false emesse e ricevute per oltre un milione di euro (leggi l'articolo correlato).

Assieme a lui sono indagate altre sei persone tra Toscana, Sicilia e Campania, uno anche di nazionalità tedesca, indicate come prestanome dell'imprenditore, per emissione e utilizzo di fatture false, infedele o omessa presentazione delle dichiarazioni fiscali, occultamento di documentazione contabile oltre a reati fallimentari. 

All'emissione del mandato d'arresto l'imprenditore era già in carcere per reati simili. Le Fiamme Gialle hanno disposto il sequestro delle quote societarie e di alcuni beni tra cui una Ferrari del valore di 300.000 euro.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Attualità

Cronaca

Lavoro