comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 23°25° 
Domani 23°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
lunedì 06 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Attualità domenica 04 febbraio 2018 ore 07:05

La leggenda di Cicciolo

Foto di: Riccardo Marchionni

"La leggenda di Cicciolo" in TuttoPIOMBINO di Gordiano Lupi



PIOMBINO — Il Carnevale di Piombino una volta era una delle feste più attese e ben organizzate che si celebravano nella provincia di Livorno. Venivano da tutto il comprensorio a vedere sfilare le maschere e i carri allegorici, ben addobbati, realizzati con cura, pieni di ragazzine che danzavano e cantavano. Basta procurarsi una videocassetta o il libro edito dal Comitato Festeggiamenti alcuni anni fa per rendersi conto di quello che era il Carnevale a Piombino. Paragonato a quello che ne è rimasto siamo davvero messi male. In ogni caso c’è solo una presenza che non è mai mancata per ricordarci almeno la giornata di festa del martedì grasso. 

Sto parlando del popolare mascherone di Cicciolo che da oltre cinquant’anni sfila per le strade cittadine e ci ricorda che è Carnevale. Merito di pochi volenterosi che si danno da fare per preparare il mascherone di legno e cartapesta e per farlo sfilare lungo le vie del corso. Cicciolo fa la sua prima apparizione nel 1949 e da allora conclude sempre il Carnevale piombinese, anticipato o meno da vari carri allegorici, banda cittadina e mascherine. Dopo il periodo triste e buio della guerra è la creatività e la voglia di far festa di alcuni ragazzi che lavorano in Magona a far nascere la popolare maschera. Nel 1949 la testa in legno di Cicciolo viene realizzata da Antonio Sicari, un modellista del reparto falegnameria, su disegno e collaborazione di Natale Mazzei che realizza pure il bozzetto per il manifesto. 

C’è chi dice che Cicciolo avrebbe origini inglesi. In parte è vero perché una maschera simile già da prima della guerra sfilava in Inghilterra. A Piombino ci sono alcuni inglesi che lavorano in Magona e sono loro a proporre agli operai piombinesi di costruire un fantoccio carnevalesco ispirato alla tradizione britannica. Di fatto Cicciolo è diventato il simbolo del carnevale piombinese e il suo naso rosso da ubriaco accompagna dal 1949 tutte le sfilate. La trama è sempre la stessa. Cicciolo è il re Carnevale che esibisce la sua corona gigantesca e il suo faccione rosso da avvinazzato. Una vedova inconsolabile, rigorosamente un uomo truccato da donna, lo segue da terra e si dispera lanciando coriandoli e stelle filanti. 

Per martedì grasso, ultimo giorno di Carnevale, il rito prevede il rogo di Cicciolo in Piazza Bovio, la giusta punizione per i suoi eccessi vinicoli, tra le grida disperate della vedova che vede bruciare il povero marito. La canzoncina più che irriverente credo sia sempre la stessa del 1949: “È morto Cicciolo… è morto un bischero!”. Il pubblico canta, i bambini sorridono e i più piccoli si informano sulle origini del mascherone. Le fiamme bruciano la cartapesta che è costata tanto lavoro e come tradizione si bruciano le preoccupazioni dell’inverno e le tristezze della brutta stagione. Da domani è primavera. Almeno si spera. E se la maschera prende subito bene avremo un’estate molto lunga e calda.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Sport