QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 7° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 13 dicembre 2019

Attualità venerdì 16 dicembre 2016 ore 16:15

Ok per Poggio all'Agnello, ma con una novità

Poggio all'Agnello. Foto: tripadvisor.it

La Variante che aveva mandato in tilt il consiglio comunale, è stata approvata. Ma la mossa dell'opposizione è servita a qualcosa



PIOMBINO — Approvata nel consiglio di venerdì 16 dicembre l'adozione della Variante per il complesso ricettivo di Poggio all'Agnello, dopo la sospensione di lunedì scorso causata dalla mancanza del numero legale dei consiglieri (leggi l'articolo correlato). 

L'adozione della Variante, con i voti di Spirito Libero e Pd, l'astensione di Sinistra per Piombino e il voto contrario di M5S, Rifondazione Comunista, Ascolta Piombino, Un'Altra Piombino, accoglie così la richiesta della società “Immobiliare milanese”, proprietaria del complesso ricettivo di Poggio all'Agnello, di mutamento d’uso parziale della struttura con la realizzazione di 108 appartamenti per una porzione corrispondente al 40% circa della slp complessiva.

L'approvazione dell'atto ha fatto seguito alla presentazione di un emendamento da parte del Pd, esposto da Bruna Geri e anch'esso approvato, con il quale si propone di escludere dal testo della variante e dal contenuto dell'eventuale convenzione da stipulare tra le parti, ogni riferimento relativo al parziale scomputo degli oneri del contributo straordinario, pari a 1 milione e 480 mila euro, per la realizzazione della nuova viabilità di accesso al complesso edilizio.

In pratica gli oneri di urbanizzazioni serviranno interamente riversati a favore del quartiere di Populonia. Da parte delle opposizioni sono stati confermati tutti i dubbi già evidenziate nella precedente seduta (leggi gli articoli correlati).

Ora la variante seguirà un iter semplificato per le novità legislative introdotte recentemente dalla Regione Toscana tese a snellire i procedimenti degli interventi che non incidono sul dimensionamento del Piano strutturale e sono collocati all'interno del territorio urbanizzato. La delibera di adozione verrà pubblicata sul Burt per soli 30 giorni (e non 60 come previsto per la procedura ordinaria) durante i quali potranno essere presentate le osservazioni.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità