QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 13°27° 
Domani 11°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 27 settembre 2016

Politica domenica 20 marzo 2016 ore 18:55

"Indispensabile rimodulare gli accordi"

La rimodulazione per la 398 chiesta dal governatore Rossi e poi rilanciata dal sindaco Giuliani, era argomento di una mozione di Ascolta Piombino

PIOMBINO — "Rispetto agli annunci succedutisi nel tempo e gli ingenti roboanti milioni d’euro messi a disposizione per il territorio di Piombino, c’è sorto un dubbio: ma siamo capaci di spenderli?".

Questa è la domanda che si pone Riccardo Gelichi della lista civica Ascolta Piombino a cui segue una considerazione sulla situazione piombinese, sulla 398 e su cosa ci riserva il futuro. 

"Le opere che possiamo vedere oggi sono quelle portuali, prive di strada e ferrovia, soldi spesi in fretta, tratti da capitoli di spesa di un percorso tutto inerente all’Autorità Portuale, e con l’ausilio di un cospicuo mutuo sostenuto dalla Regione Toscana. - spiega - Tutti gli altri milioni attendono di essere spesi, allora ci siamo chiesti se fosse opportuno rimodularli, soprattutto la parte inerente alla 398 e abbiamo presentato una mozione in consiglio, che purtroppo è stata bocciata. Strana bocciatura perché oggi è lo stesso governatore Rossi a chiedere un aggiornamento formale dell’articolo 9 dell’Accordo di Programma e sempre sulla stampa è lo stesso sindaco Giuliani a rilanciare l’ipotesi". 

"Siamo contenti che sia stato preso atto della necessità di una rimodulazione dell’accordo di programma, - prosegue Gelichi - ma riteniamo che non si debba limitarsi solo all’infrastruttura, serve inserire all’interno di un rinnovato accordo, la questione dei flussi di materia, delle dismissioni e delle aree disponibili per lo sviluppo della piccola e media impresa. Non esiste un progetto di rilancio della PMI, al di fuori del vecchissimo metodo dell’elargizione di soldi a pioggia, elargizioni che invece potrebbero sostenere infrastrutture materiali ed immateriali; resta ancora irrisolta la questione della mancanza di aree e una programmazione adeguata. Bisognerebbe quindi andare verso una ricostruzione totale degli accordi di programma rispetto ad un’innegabile evoluzione delle cose guardando la fotografia odierna, molto diversa da quella del 2014".

Tag