comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 24°29° 
Domani 24°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 05 luglio 2020
corriere tv
Decreto rilancio, ecco le novità da sapere

Politica domenica 14 luglio 2019 ore 15:37

Rivellino Pride, "parleranno solo le associazioni"

Il consigliere di Rifondazione Comunista Fabrizio Callaioli risponde a Movimento 5 Stelle e Spirito Libero a proposito di strumentalizzazione



PIOMBINO — Affidata a un post su Facebook la risposta a Movimento 5 Stelle e Spirito Libero che hanno chiesto di divedere politica e diritti in occasione del Rivellino Pride Party a Piombino.

"Cosa lamentano costoro? Che i partiti dovrebbero stare un passo indietro, perché deve essere una manifestazione trasversale e troppa presenza politica potrebbe impedire l’avvicinamento di altri. Questo in sintesi, se ho ben capito. - si legge - Bisogna premettere intanto che l’iniziativa di organizzare il Pride al Rivellino nasce da un’idea di Possibile e di Rifondazione Comunista, cui poi hanno aderito altre formazioni come il Pd e tante associazioni. Potevano organizzare loro, se volevano decidere il come. Ma non ci hanno pensato. Perché? Pensate che si tratti semplicemente di essere arrivati primi o secondi? Pensateci e vedrete che non è così. Ma il problema non è questo ovviamente, è chiaro che questa debba essere una manifestazione inclusiva e si debba fare di tutto per mettere al centro i diritti civili e non altro; infatti i partiti e le associazioni organizzatori hanno deciso che parleranno solo i rappresentanti delle associazioni e nessun rappresentante di alcuna forza politica, neanche delle istituzioni".

Detto questo, "è giusto che i partiti siano visibili, anche con le proprie bandiere, se vogliono. Perché le bandiere servono a far vedere chi c’è e chi non c’è. Chi è dalla parte dei diritti civili e chi no", ha aggiunto.

Sull'accostamento di diritti e politica, Callaioli ha ricordato come "i diritti vengono affermati e difesi nelle sedi istituzionali dai partiti, che lì vanno a rappresentare i valori che i propri elettori gli hanno chiesto di salvaguardare. E’ naturale quindi che la gente possa e debba vedere quale è la posizione dei partiti. Viene il sospetto che chi non vuole che si vedano le bandiere dei partiti, neanche quelle degli altri, in realtà ha dei problemi a mostrare la propria".

Qui sotto il post integrale su Facebook di Fabrizio Callaioli.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Politica

Sport