comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:10 METEO:PIOMBINO13°16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 27 novembre 2020
corriere tv
Napoli, davanti al San Paolo l'emozionante omaggio dei tifosi: cori e fumogeni per Maradona

Elezioni 2020 martedì 18 agosto 2020 ore 08:23

Sanità, Forza Italia boccia il Pd

Forza Italia

Il coordinamento di Forza Italia: "L’ennesimo motivo per non votare Partito Democratico alle prossime elezioni regionali". La replica di De Rosas



PIOMBINO — La sanità piombinese continua ad essere terreno di campagna elettorale. 

A non convincere il coordinamento locale di Forza Italia le recenti dichiarazioni del segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba Simone De Rosas che parla di un buon lavoro con Cecina per turismo e sanità.

"Qualcuno potrebbe avvertire il giovane segretario De Rosas che, a proposito di sanità, per quello che concerne l’ospedale unico Piombino-Cecina, i primari della Cardiologia, dell’Ortopedia, dell’Emergenza Urgenza, della Ginecologia-Ostetricia, dell’area Materno-infantile che teoricamente dovrebbero essere condivisi dai due stabilimenti, sono presenti solo a Cecina, mentre a Piombino gli stessi servizi, oltre a non essere coperti da Direttori, sono in enorme sofferenza, laddove non siano stati addirittura totalmente smantellati? - hanno commentato da Forza Italia - Se, per il Partito Democratico, lavorare in pieno accordo con Cecina significa rafforzare l’ospedale di Cecina e smantellare definitivamente quello di Piombino, orbene facciamo volentieri a meno di questi 'meravigliosi accordi'. Queste affermazioni, che ci preoccupano assai, sono l’ennesimo motivo per non votare Partito Democratico alle prossime elezioni regionali".

Dal profilo Facebook la risposta di Simone De Rosas.

"Ho letto il commento di Forza Italia Piombino all’articolo di presentazione dei nostri candidati alle elezioni regionali. Tre brevi considerazioni: il lavoro fatto con Cecina per l’ospedale unico è stato avanguardistico, lo confermo. E' stato pensato proprio per non incappare nei tagli alla sanità che i Governi di centrodestra hanno perpetrato negli anni e che, senza dubbio, avrebbero portato alla chiusura di uno dei due presidi ospedalieri. Magari in favore della sanità privata, tanto in voga in Lombardia e che Ceccardi e i suoi vorrebbero esportare anche in Toscana. Il modello 'prima i Piombinesi' che a Cecina sarà 'prima i Cecinesi', ovviamente, non funziona se negli anni si continua a tagliare sui territori. Tutto è andato bene? Assolutamente no. Ci sono ritardi imperdonabili e depotenziamenti degli organici non ammissibili. Lo sappiamo perfettamente e abbiamo fatto battaglie con i nostri Sindaci in prima fila. Nel luglio 2019, infatti, è stato presentato un ottimo progetto dalla Società della Salute delle Valli Etrusche (costruito negli anni precedenti) e approvato anche dall’Assessore Palombi (di Forza Italia) del Comune di Piombino. Dopo quell’approvazione, escludendo gli inutili comunicati stampa, che hanno fatto l’amministrazione di Piombino e il Partito Forza Italia perché quel piano fosse finalmente messo in atto? Non è che si vuol lucrare sui disservizi della sanità per propaganda politica? Sarebbe da irresponsabili. Ora, infatti, la destra guida uno dei principali comuni della Società della Salute, di cui è anche vice presidente, credo che dovrebbero (loro) qualche spiegazione ai cittadini sui ritardi. La Regione Toscana ha finanziato totalmente quanto richiesto dai sindaci con il piano 2019 per affrontare i nodi principali dei due ospedali e dare finalmente una struttura su due presidi che aumenti i servizi (e la qualità) per i cittadini. Si parla di alcuni milioni di euro. Che aspetta il Comune di Piombino a chiedere che vengano utilizzati quanto prima? Il più importante: ho 35 anni e i ragazzini di 18 mi danno del Lei ma è sempre bello sentirsi chiamare 'giovane segretario', per questo li ringrazio".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità