QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 14°15° 
Domani 14°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 08 dicembre 2019

Attualità venerdì 06 novembre 2015 ore 18:06

Sessualità, il progetto di Spirito Libero

Al via la seconda fase dell'iniziativa dell’associazione politico-culturale sui temi della sessualità e delle malattie sessualmente trasmissibili



PIOMBINO — La mozione di Spirito Libero sul tema “Sessualità e recrudescenza delle malattie sessualmente trasmissibili. Potenziamento degli strumenti esistenti, promozione del Consultorio Adolescenti e dell’uso del profilattico. Campagna di sensibilizzazione” ha trovato seguito grazie all’appoggio dell’Assessorato competente del Comune di Piombino. Ora l’associazione politico-culturale si appresta a presentare la seconda fase del progetto.

Dopo una prima fase di attuazione che ha visto il costituirsi di un gruppo di lavoro composto da Comune, ASL 6, Farmacie Comunali, Centro Giovani, Informagiovani e altri partner, si passerà alla distribuzione gratuita di profilattici e al monitoraggio delle varie richieste supportato da elaborazioni statistiche che faranno poi parte di un report finale previsto per l’inizio 2016.

L’iniziativa targata Spirito Libero è stata proposta lo scorso dicembre a seguito dell’indagine nazionale pubblicata dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia sui temi del sesso e della contraccezione.

Dallo studio fornito, infatti, è emersa una serie di dati davvero allarmanti considerato che il 56% dei giovani non usa nessun tipo di precauzione durante i rapporti sessuali, percentuale che sale quasi al 70% se ci si limita agli adolescenti. La disinformazione in fatto di sessualità provoca ogni anno un 39% di gravidanze non pianificate, delle quali addirittura 1 su 4 si conclude con l’aborto. In Italia, inoltre, si sta silenziosamente assistendo ad un’impressionante recrudescenza di diverse malattie sessualmente trasmissibili.

“Siamo orgogliosi di aver promosso tutto ciò – commenta il vece-coordinatore Daniele Massari –. Riteniamo doveroso e opportuno segnalare la rete che si è finalmente creata tra Istituzioni, ASL, Farmacie e Consultorio dei Giovani su un argomento così basilare, che non può essere assolutamente inquadrato alla stregua di un tema marginale o secondario”.



Tag

Calenda in tv: «Quando Renzi era premier, noi ministri lo prendevamo in giro»

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Spettacoli

Lavoro