comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:38 METEO:PIOMBINO16°  QuiNews.net
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
venerdì 04 dicembre 2020
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, Conte: «Da subito attivo il piano ‘Italia cashless' per gli acquisti con carte, ma non online»

Attualità martedì 18 agosto 2020 ore 15:35

Piano spiaggia, ondata di osservazioni

Un tratto di spiaggia (Foto di repertorio)

Legambiente e Libera chiedono dunque di rielaborare il Piano Spiaggia. "Lo hanno chiesto anche altri cittadini ed enti pubblici"



SAN VINCENZO — Ondata di osservazioni in merito al Piano Spiaggia recentemente adottato dal Consiglio comunale di San Vincenzo. Tra queste anche quelle di Legambiente e Libera che mettono in risalto come "siano del tutto assenti una valutazione della situazione esistente, gli effetti sul litorale degli eventi naturali e di quelli indotti dalle opere umane, l'interesse pubblico, la tutela di un'ambiente così delicato come spiaggia e dune, così come non compare alcuna ipotesi progettuale di riduzione dell'impatto umano su questo eco-sistema. Sono invece decisivi, e marcatamente presenti, - hanno sottolineato - gli interessi degli attuali concessionari e di quelli futuri, prevedendo il piano una consistente riduzione, nella zona urbana, delle spiagge libere, a fronte di nuove concessioni demaniali, con preoccupanti possibilità di realizzare una notevole quantità di strutture stabili".

Legambiente e Libera chiedono dunque di rielaborare il Piano Spiaggia. 

"Non è stata valutata la coerenza con con il piano di indirizzo territoriale (Pit) della Regione Toscana e sono indicate scelte in contrasto con lo stesso (Pit);
manca un'analisi delle criticità dell'ambito costiero; il Piano non prende in considerazione il fenomeno dello spiaggiamento della posidonia; non viene presentato un quadro della situazione di fatto delle concessioni in atto; viene presentata una cartografia senza alcuna indicazione toponomastica; diverse concessioni, con possibilità di ampliamento o spostamento, insistono sulla foce di fossi, nonostante una valutazione della scheda ambientale negativa; di una concessione in particolare si chiede di verificare se, in base al Codice della Navigazione, che regola il sistema delle concessioni sulle spiagge, possa essere confermata o meno, in quanto concessione oggetto di abusi edilizi conclamati e sanzionati, fino alla demolizione, di opere succedutesi dal 2016 ad oggi; si prevedono 2 nuove e consistenti concessioni, frutto di riunificazione delle concessioni demaniali esistenti".

Legambiente e Libera richiedono quindi la rielaborazione del piano, così come sono stati in molti a farlo, sia cittadini che enti pubblici, oppure contributi come quello presentato della Soprintendenza dei Beni Archeologici, Belle Arti e Paesaggio che chiede la Valutazione Ambientale Strategica e dell'Arpat che ha rileva delle lacune negli elaborati. Osservazioni inviate anche dai gruppi di opposizione, 13 sono quelle firmate da San Vincenzo Futura.



Tag

Programmazione Cinema Farmacie di turno


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità