QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 15°24° 
Domani 21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
martedì 25 settembre 2018

Politica giovedì 16 novembre 2017 ore 10:04

"Quella di As una sceneggiata indecorosa"

Alessandro Bandini, sindaco di San Vincenzo

Tutto si scatena quando il Consiglio si appresta ad approvare il piano per l'ampliamento del Park Albatros e la lista civica abbandona l'aula



SAN VINCENZO — "Lunedì sera in consiglio comunale abbiamo assistito a una sceneggiata indecorosa da parte dei consiglieri di Assemblea Sanvincenzina che hanno messo in risalto ancor di più la loro completa incapacità di rappresentare una opposizione politica costruttiva all’interno del consiglio comunale", così il sindaco di San Vincenzo Alessandro Bandini ha commentato quanto accaduto in Consiglio comunale in vista dell'approvazione dell'ampliamento del Park Albatros (leggi gli articoli correlati).

"Il capogruppo di As legge un comunicato ideologico privo di contenuti politici ma farcito di malafede, inesattezze e falsità, un intervento dai contenuti uguali e precisi di quanto affermato sui social network dal vecchio rappresentante della lista civica Forum di centrosinistra oggi rappresentante di zona delle liste civiche Nicola Bertini. Dopodiché i consiglieri di As Riccucci, Boccini e Battini abbandonano l’aula del Consiglio comunale, sfuggendo ad una discussione democratica senza entrare nel merito del punto all’ordine del giorno", ha ricostruito il primo cittadino che in una note smonta tutte le affermazioni della lista civica.

"Assemblea Sanvincenzina nel comunicato afferma che la variante urbanistica Park Albatros è una variante improvvisata; falso: il potenziamento e il miglioramento dei servizi del villaggio turistico sono disciplinati dall’art 32 del Piano strutturale approvato. - e ha aggiunto - Afferma che la convenzione che disciplinava i due vecchi piani attuativi è scaduta; falso: i due piani attuativi sono ancora vigenti in virtù di una convenzione approvata con atto consiliare n° 117 del 28/11/2012 poi stipulata in data 24/05/2013. Afferma che la variante è stata fatta di nascosto mantenendo un profilo basso e sfuggente e senza confronto; falso: il 25 Novembre 2016 è stata convocata un assemblea pubblica, oltretutto molto partecipata, dove sono stati illustrati dettagliatamente i contenuti della variante. La variante è stata discussa e portata all’ attenzione in ben 3 commissioni consiliari ed è stata all’ordine del giorno e discussa in ben 3 consigli comunali. Precisiamo inoltre che l’iter di approvazione prevede la possibilità di presentare nei 60 giorni dopo l’adozione della variante eventuali osservazioni e che puntualmente As non ha fatto. Inoltre la variante è stata oggetto di esame in conferenza paesaggistica della Regione Toscana che l’ha ritenuta conforme al Pit e alle normative vigenti in materia di governo del territorio".

Il Consiglio sarebbe stato il momento per confrontarsi e per il sindaco non era il caso di abbandonare l'aula a meno che la lista civica non avesse motivazioni valide per controbattere le scelte urbanistiche con il rischio di fare una brutta figura.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Lavoro

Sport