QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 4° 
Domani -2°4° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
domenica 16 dicembre 2018

Politica lunedì 09 aprile 2018 ore 15:40

Ospedali in rete, Parodi scettico sul piano

"Un fascicoletto pieno di buoni propositi figlio del decreto Balduzzi", ha detto Parodi. Da verificare, prima di tutto, la copertura finanziaria



SUVERETO — Ospedali in rete, quella di Cecina e Piombino per il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi è come "la montagna che ha partorito il topolino". Il riferimento è alla riorganizzazione dei due ospedali presentata da Asl e Regione proposta il 28 Marzo scorso e che sarà illustrata l'11 Aprile nell'ambito di un'assemblea aperta ai cittadini a Donoratico.

“Un fascicoletto pieno di buoni propositi figlio del peccato originale ovvero il DM 70/2015, noto come decreto Balduzzi e il suo concetto, a mio parere in contrasto con l’art. 32 della Costituzione, di diversificare l’offerta sanitaria in proporzione al numero di abitanti dei comuni dove un cittadino ha la fortuna o la sfortuna di nascere. - ha commentato il sindaco Parodi - Sono anni che contesto in primis la riforma regionale della sanità toscana che ha prodotto questo aborto delle 3 Asl, aree vaste che non hanno prodotto nessun beneficio nei servizi per i cittadini e tanto meno risparmi, e in secondo luogo il famigerato Balduzzi che obbliga a tagli e depotenziamento dei presidi in virtù unicamente del numero di abitanti o delle performance ottenibili”.

Per l'ospedale di Piombino, il sindaco Parodi ha anticipato alcuni aspetti già pronosticati in questi giorni: il rischio chiusura sempre più imminente del reparto di maternità di Villamarina per il principio del decreto Balduzzi e la realizzazione della sala di emodinamica nel presidio piombinese anche se sarebbero lontani i volumi dello stesso decreto.

“Siccome la politica è fare scelte anche in deroga ai regolamenti nel momento in cui si crede nella necessità di fare interventi per i cittadini, mi auguro al prossimo incontro sul tema, l’Asl e la Regione Toscana affianchino ai buoni propositi le risorse che intendono investire già a partire dal 2018. - ha puntualizzato Parodi - Le urgenze per l’ospedale di Villamarina sono lo spostamento del Pronto Soccorso e la breve osservazione in locali idonei, crescita delle attività di chirurgia, ortopedia, otorino, urologia, oculistica con la creazione delle Unità Operative Dipartimentali, potenziamento della diagnostica, progettazione sala emodinamica, interventi che richiedono la messa a bilancio da parte dell’azienda di qualche milione di euro. Se ciò sarà fatto concretamente come sindaco sarò ben lieto di accettare il progetto di riorganizzazione così come ce lo hanno consegnato, - e ha concluso - ma se non c’è copertura finanziaria questa operazione è solamente fumo negli occhi per i sindaci e i cittadini".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Attualità