QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PIOMBINO
Oggi 16° 
Domani 16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdicornia, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdicornia
mercoledì 20 marzo 2019

Attualità martedì 19 febbraio 2019 ore 14:14

Asili nido a Piombino, la storia in un libro

La storia dei nidi a Piombino dagli anni ‘80 a oggi. In sala consiliare il volume di Maria Concetta Mondello e di Paolo Benesperi



PIOMBINO — Una storia degli asili nido a Piombino. Sabato 23 febbraio alle 16 nella sala consiliare del palazzo comunale l’Assessorato alla pubblica istruzione presenta il volume La nascita degli asili nido nel Comune di Piombino di Maria Concetta Mondello e Paolo Benesperi, edito da Fahren House, casa editrice specializzata in tematiche educative.

All’iniziativa di presentazione intervengono, insieme ai due autori, tre ricercatori e docenti dell’università di Firenze Stefano Oliviero, Emiliano Macinai e Raffaella Biagioli. Presenta l’assessore alla pubblica istruzione e politiche sociali Margherita Di Giorgi.

Nato dalla tesi di laurea di Maria Concetto Mondello discussa nel 2016, il libro approfondisce anche attraverso il contributo di Paolo Benesperi, le caratteristiche dei servizi educativi oggi, in un’area di crisi industriale complessa, in relazione all’avvio di queste esperienze, agli inizi degli anni ‘80. A suffragare i ragionamenti e le riflessioni molti dati sui cambiamenti demografici, occupazionali, sulla tipologia dei servizi, sul numero dei bambini.
Il primo nido apre a Piombino nel 1981 con 40 bambini, nel 1988 i bambini erano già 100. Un elemento importante di quegli anni è che le scuole d’infanzia comunali e i nidi nascono non solo per dare risposte di servizio, ma soprattutto per promuovere un nuovo atteggiamento educativo di comunità.
La prevalenza di nuclei familiari monoreddito nei primi anni ‘80, la minore occupazione femminile, uniti a un livello di reddito alto rispetto alla media nazionale, non creavano infatti stringenti necessità di servizi.
Maria Concetta Mondello concentra la sua ricostruzione sull’evoluzione normativa regionale, sulla descrizione dei servizi per l’infanzia di Piombino, analizzandone i cambiamenti e le prospettive. A conclusione del volume vengono pubblicate delle interviste ad alcuni interlocutori privilegiati che hanno vissuto la storia dei nidi a Piombino nel corso di questi decenni: amministratori, educatrici, genitori, esponenti delle forse politiche, donne dell’Udi ecc.
“Interviste molto interessanti – commenta l’assessore – dalle quali emergono testimonianze di notevole importanza, di alto significato in relazione al contesto, ai valori sociali, rispondente ai principi di costituzionali. Oggi la situazione, a distanza di pochissimo tempo dagli anni di riferimento della ricerca, appare ancora diversa. Le condizioni sociali si vanno modificando velocemente, insieme a quelle demografiche. A questo si aggiunge l’aumento della povertà che spesso è incubatore di altrettante povertà, educative e culturali, che non possono essere sanate solo con l’approccio assistenzialista. Per fronteggiare queste nuove situazioni e per contrastare la deriva culturale e sociale, il Comune di Piombino ha messo in atto tutta una serie di azioni che puntano sull’educazione e sulla cultura, alla base di qualsiasi cambiamento positivo.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

Politica